Tonno in scatola: fai attenzione se lo mangi, ecco perché

0
322

Tonno in scatola, fai attenzione se lo mangi troppo: ecco perché, cosa succede al tuo corpo secondo alcune ricerche scientifiche.

tonno scatola attenzione
Scatolette di tonno, perché non mangiarne troppe?

Le scatolette di tonno sono spessissimo una soluzione pratica e veloce per chi non è molto pratico ai fornelli, oppure non ha tempo per mettersi a cucinare delle pietanze con lunghi tempi di cottura.

Sebbene sia utile per realizzare tantissime gustose ricette, mangiare troppo tonno in scatola potrebbe far scattare un allarme; ecco il motivo, cosa succede al corpo secondo alcune ricerche scientifiche.

Tonno in scatola: fai attenzione se lo mangi, ecco perché

Il motivo per cui si dovrebbe evitare di consumare troppo spesso del tonno in scatola è per la presenza all’interno del pesce di mercurio; a seconda del tipo di tonno e delle quantità ingerite, all’interno del nostro corpo entra una sostanza di mercurio che può non essere dannosa, oppure sì.

Il mercurio arriva a causa di varie attività produttive dell’uomo, e si deposita nei vari specchi d’acqua della Terra come laghi, fiumi, mari e oceani; stando allo studio pubblicato su Environmental Health Perspectives, il consumo di prodotti di mare come pesci e crostacei è nel 90% la causa d’esposizione umana al mercurio, basandosi su campioni provenienti dagli Stati Uniti.

Inoltre, il mercurio è presente negli oceani anche come prodotto della decomposizione del carbonio organico naturale; entrato nell’acqua, il mercurio viene trasformato da microgranismi in una sostanza tossica, il metilmercurio, capace di accumularsi nei pesci che consumiamo.

tonno scatola attenzione
Alta presenza di mercurio nel tonno.

Leggi anche –> Gianni Sperti: avete mai visto la sorella? E’ uno spettacolo

Più grande  è il pesce, maggiore è il rischio; per questo, il tonno in scatola ha livelli piuttosto  alti di mercurio ed un suo consumo esagerato potrebbe portare danni al nostro corpo; meglio non superare mai il limite di tre porzioni massime in una settimana.

Leggi anche –> Elisabetta Canalis: il buco nel vestito lascia vedere tutto

Mangiare troppo pesce può di fatto provocare avvelenamento da mercurio, aumentando in maniera sproporzionata la presenza di metilmercurio nel nostro sangue; tra i disturbi più frequenti  prurito o  formicolio a mani e piedi, debolezza muscolare, problemi di coordinazione, disturbi del linguaggio e dell’udito e visione periferica ridotta.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here