Uomini e donne: la rivelazione sui genitori di Andrea Nicole

La tronista transgender di Uomini e donne per la prima volta ha parlato del suo difficile percorso e del rapporto con i sui genitori prima e dopo la trasformazione

uomini e donne
Andrea Nicole parla del suo processo di transizione

Pochi giorni fa, Andrea Nicola ha parlato per la prima volta e a cuore aperto del suo lungo e difficile percorso ha affrontato per diventare la donna che è oggi. Sebbene la sua vita sia sempre stata serena non sono mancati grandi difficoltà per la sua transizione, anche dentro casa.

Andrea Nicole parla della sua infanzia e adolescenza

In una nuova intervista su DiPiù, ha svelato che sin da piccola ha sempre giocato come una femminuccia e nessuno tra i suoi familiari si faceva troppe domande. Quando andava alle elementari i suoi amichetti la vivevano come una bambina.

[ADISNERTER AMP]

Leggi anche Non mi lasciare: tutto sulla nuova fiction della Rai

All’epoca, ha ammesso non era un problema, i problemi sono arrivati dopo”. Precisamente durante il periodo delle scuole medie dove ha iniziato a ricevere offese.  Nonostante questo ha sempre vissuto in modo sereno in quanto si è sempre sentita donna. “Non mi sentivo problematico, per il semplice fatto che io mi sono sempre sentito donna”.

Ed è proprio in questo periodo dell’adolescenza che Andrea Nicola si è resa conto della sua problematica e ha deciso di parlare con i propri genitori. La giovane lo ha fatto scrivendo una lettera. Fino a quell’istante nessuno le aveva mai parlato di disforia di genere e dopo la terza media aveva iniziato a documentarsi.

Leggi anche Un posto al sole: Giancarlo ritorna da Silvia

Quando scoprì che la medicina poteva aiutarla a essere se stessa scrisse a sua madre. Se fino a quel momento i suoi genitori l’avevano accettata dopo la lettera cambiò tutto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Uomini e Donne (@uominiedonne)

Non hanno approvato. O meglio, mi hanno detto: ‘Vai sei mesi in terapia, verremo anche noi. Il tuo è solo un capriccio’”. Nicole accettò di andare da uno psicologo e il dottore chiamando i suoi genitori gli spiegò che il vero problema lo avevano loro e non la figlia, in quanto era una donna a tutti gli effetti.

Ecco quando i genitori hanno accettato il suo percorso

A 18 anni “è arrivata l’ora X e tutto, davvero tutto, è cambiato”. A questa età è arrivato il suo vero processo di transizione tra sedute psicologiche e psichiatriche. Ovviamente ha dovuto assumere anche gli ormoni anche se ha ammesso che non sono stati troppo pesanti.

Il suo corpo ha reagito bene e il suo corpo “si è addolcito ulteriormente”. Il seno era già un po’ accennato proprio per via degli estrogeni, con l’integrazione è cresciuto ulteriormente. Ho vissuto una sorta di sviluppo”. E proprio in questo momento, quando i suoi genitori hanno visto che la loro figlia finalmente ha iniziato ad essere felice, hanno compreso il suo percorso.

Impostazioni privacy