Bendetta Rossi: incidente proprio li per il marito, ecco come sta

0
576

Il marito di Benedetta Rossi ha avuto un delicato incidente in casa e mentre lui soffre, la moglie se la “ride” vediamo perchè

benedetta-rossi-
Bendetta ride per quanto accaduto a Marco

Benedetta Rossi nonostante sia in pausa a livello lavorativo, continua ad essere molto seguita ed apprezzata sui social. La sua determinazione e il proprio carisma hanno fatto si che con il tempo diventasse una nota blogger e oggi vanta più di due milioni di seguaci che le permettono di essere molto soddisfatta. Questa volta, però, al centro dell’attenzione è finito suo marito, protagonista id un brutto e spiacevole incidente.

Incidente per il marito di Benedetta Rossi

Gli incidenti domestici possono capitare a chiunque e questa volta è accaduto al marito marito di Benedetta Rossi. Marco non è caduto ma a procurargli dolore è stato il suo cagnolone. Proprio come sua moglie, anche lui adora gli animali, e quando ha del tempo libero trascorre molte ore con lui.

LEGGI ANCHE —> Famiglia Ferragni: Arriva una femmina in famiglia!

Benedetta ha condiviso con i fan un breve video dove si vede Marco Gentili disteso sul divano con le mani tra le gambe. Cloud mentre saltava lo ha colpito con le zampette proprio li, facendogli un gran male.

benedetta rossi
Il marito colpito dal cane

Marco colpito da Coud proprio li

Mentre Marco si dispera seduto sul divano, mantenendosi i suoi gioielli di famiglia, il cane Cloud indifferente va via dalla camera. Un siparietto simpatico che ha fatto divertire sopratutto Benedetta.

LEGGI ANCHE —> Barbara D’Urso nuova stangata: ecco l’orario di Pomeriggio Cinque

La cuoca ridendo ha ripreso il tutto e non ha potuto evitare di postare il video sui social. Immediata anche la reazione dei fan che come lei hanno riso. Prima di Cloud, adottato lo scorso anno, la coppia aveva anche un altro cagnolino.

Si chiamava Nuvola e a causa di problemi di salute è venuto a mancare. Un dolore immenso, dato che da anni faceva parte della famiglia ed era considerato come un figlio.