Muore la leggenda del calcio, fischiato durante il minuto di silenzio | Scoppia la polemica

0
29

Scompare una delle ultime bandiere del secolo scorso ma l’omaggio è rovinato dai tifosi, lo spiacevole episodio non è passato inosservato.

La notizia è arrivata più o meno su tutti gli smartphone mentre le squadre stavano scendendo in campo. Impossibile dimenticare le gesta di un campione che ha fatto la storia del calcio italiano, a 79 anni si è spento uno dei più grandi.

Si spegne a 79 anni la leggenda del calcio italiano, il tributo rovinato dai fischi
Dagli spalti piovono solo fischi all’intervallo, il minuto di silenzio per la leggenda del calcio scomparsa a 79 anni è rovinato – Foto Ansa – formatonews.it

Dato il poco preavviso, comunque, gli organizzatori hanno deciso di posticipare il minuto di silenzio all’intervallo, visto che ormai il match era in procinto di iniziare. Quel che succede però ha dell’incredibile: ai tifosi sugli spalti la decisione non va giù, piovono fischi dalle gradinate.

Corre ai ripari la Lega di Serie A, che proprio in queste ore sta cercando di fornire possibili spiegazioni a un gesto così eclatante. Ai più, in realtà, sono sembrate motivazioni campate per aria, forse dichiarazioni di facciata per difendere l’evento che si è tenuto ancora una volta – come già successo in passato – in una cornice abbastanza particolare.

Muore Gigi Riva, un minuto di silenzio in Supercoppa ma si sentono solo i fischi

Icona di un calcio che non c’è più, Gigi Riva è stato leggenda sia con la maglia del Cagliari che con quella della Nazionale. Si è spento a 79 anni, lasciando un vuoto incolmabile tra i propri cari, gli amici, i colleghi e i tantissimi tifosi che lo hanno amato. Una figura storica del nostro movimento che è stata ricordata anche durante la finale di Supercoppa italiana tra Napoli e Inter – vinta poi dai nerazzurri con gol allo scadere di Lautaro Martinez.

La Lega di Serie A infatti, non appena ricevuta la notizia, ha chiesto di rispettare un minuto di silenzio all’intervallo. Peccato che agli spettatori arabi presenti all’Al-Awwal Park di Riad la faccenda sia andata di traverso. Sul tabellone appare la foto di Riva, la scritta in sovrimpressione recita semplicemente: ‘Ciao Gigi’. È in quel momento che dagli spalti, in una manciata di secondi, si leva un’ondata di fischi, che invano gli italiani hanno provato a coprire con gli applausi.

Gigi Riva, minuto di silenzio anche a Riad: dagli spalti piovono solo fischi
Sul tabellone dell’Al-Awwal Park di Riad appare il saluto a Gigi Riva, ai tifosi però la celebrazione non va proprio giù – Foto Ansa – formatonews.it

A quanto pare, questa la motivazione che è stata fatta circolare dalla Lega nelle ultime ore, nella cultura araba non sarebbe previsto il silenzio per ricordare i morti. Perciò la reazione scomposta, nonostante dagli altoparlanti fossero state fornite tutte le spiegazioni del caso.