Venezia, si entra solo col ticket: parte il conto alla rovescia, il prezzo fa già discutere

0
72

La città si prepara al nuovo sistema di regolamentazione degli ingressi. Diffusi dall’amministrazione comunale tutti i dettagli della misura

30 giorni complessivi all’anno nei quali chiunque voglia visitare la città dovrà pagare una ‘tassa’, un biglietto d’ingresso. Nell’operazione saranno coinvolti i cosiddetti turisti pendolari, le istituzioni al lavoro per limare gli ultimi dettagli in vista della prima giornata di ticket. Le polemiche ovviamente non sono mancate in queste settimane ma pare che ormai il comune di Venezia sia intenzionato ad andare fino in fondo.

Venezia, da quando si pagherà il ticket per entrare? Tutti i dettagli
Nel 2024 per poter visitare la città di Venezia si dovrà prenotare un ticket d’ingresso, la misura accende la polemica – formatonews.it

“Dobbiamo trovare un equilibrio tra i diritti di chi a Venezia ci vive, ci studia o ci lavora e di chi visita la città”, spiega ai microfoni del Corriere del Veneto l’assessore al Turismo Simone Venturini, specificando come l’amministrazione voglia porsi come “apripista a livello mondiale” con una “gestione dei flussi innovativa” che possa definitivamente “porre un freno al turismo giornaliero”. Più di qualcuno ha parlato di manovra ‘acchiappasoldi’ ma Venturini smentisce categoricamente: “Non è un provvedimento per fare cassa“.

Ticket per entrare a Venezia, quanto costerà e in quali giorni sarà attivo

Almeno per il momento il nuovo sistema di prenotazione verrà attivato solamente nelle giornate da bollino nero, ovvero quelle in cui il numero di persone presenti in città è molto più alto rispetto al solito – in totale, comunque, non saranno più di 30 in un anno. Se n’è cominciato a parlare più o meno nel 2020, alla fine il sindaco Luigi Brugnaro ha preso in mano la situazione pianificando il calendario vero e proprio.

Con ogni probabilità si partirà durante le festività pasquali del 2024, poi si proseguirà nei giorni tra il 25 aprile e l’1 maggio oltre che per il ponte del 2 novembre – e, pare, in alcuni fine settimana di giugno e luglio. Non sono date scelte in maniera casuale ovviamente, l’amministrazione ha analizzato a fondo le statistiche degli anni passati, potendo constatare i periodi di maggior congestione e afflusso.

Un ticket per visitare Venezia, da quando e quanto costa
A Venezia i cosiddetti turisti pendolari, quelli giornalieri, dovranno prenotare la propria visita assicurandosi un ticket – formatonews.it

L’importo del ticket sarà di 5€ e dovrà essere versato in fase di prenotazione dai turisti giornalieri pendolari – ogni persona fisica dai 14 anni in su dovrà pagare il contributo. Chi verrà trovato senza sarà multato per un importo che va dai 50 ai 300 euro, a seconda del caso specifico. Oltre agli esenti sono esclusi i residenti, i lavoratori (compresi i pendolari), gli studenti di qualsiasi ordine e grado e componenti dei nuclei familiari che hanno pagato l’IMU nel Comune di Venezia.

Non esisterà un limite o un tetto massimo alle persone che potranno entrare, considerate le presenze medie l’operazione potrebbe portare nelle casse del Comune circa 1 milione e mezzo di euro all’anno.