Altro che Transformer! | Dal Giappone il robot mutaforma che potrebbe sostituire gli umani nei cantieri edili

0
41

Il gigantesco robot mutaforma soprannominato Archax potrebbe sostituire gli esseri umani nei cantieri edili: il progetto arriva dal Giappone.

In Giappone hanno ideato una nuova generazione di robot giganti mutaforma che potrebbe sostituire gli esseri umani per lavorare nei cantieri edili e nelle zone disastrate. Lo straordinario progetto costa ben 2,2 milioni di sterline.

Il progetto giapponese del robot mutaforma: ecco tutto ciò che c’è da sapere – Screenshot YouTube CNN – FormatoNews.it 

I robot in stile Transformer, soprannominati Archax, possono crescere fino a quasi tre volte l’altezza di un uomo sulle loro gambe a quattro ruote e hanno anche la capacità di passare alla “modalità veicolo” grazie alle loro gambe a quattro ruote. Alimentati a batteria saranno controllati da un pilota umano all’interno del suo corpo.

La nuova generazione di giganteschi robot mutaforma: il progetto giapponese

Progettati da Tsubame Industries a Tokyo, i robot mutaforma possono anche assumere forme diverse per adattarsi a qualsiasi situazione. Quest’ultimi sono dotati di un paio di bracci di presa laterali e sono controllati da un pilota umano seduto all’interno del corpo della macchina. Secondo i media giapponesi, le macchine avranno anche testa mobile (sinistra e destra), vita (sinistra e destra), spalle (su e giù), gomiti, polsi e dita.

Un robot mutaforma in grado di sostituire gli uomini nei cantieri: il progetto giapponese
Archax: il progetto giapponese del robot mutaforma – Screenshot YouTube CNN – FormatoNews.it 

Si dice anche che sembrino ispirati al robot a quattro ruote che assomiglia a Mobile Suit Gundam della famosissima serie di animazione giapponese. I progettisti affermano che ogni macchina pesa 3,5 tonnellate ed è alta 4,5 metri in modalità robot.

Può quindi ridursi fino a 3,9 metri di altezza in modalità veicolo, con gli operatori che utilizzano joystick e pedali in stile gioco. Prendendo il nome dal dinosauro aviario Archaeopteryx, l’Archax sarà presentato al Japan Mobility Show ad alta tecnologia il 26 ottobre. Il robot è il frutto dell’ingegno del presidente di Tsubame, Yoshida Ryo, 25 anni, che ha studiato progettazione di mani robotiche all’università.

L’esperto ha in programma di costruire e vendere cinque macchine per un facoltoso fan dei robot, al prezzo di 400 milioni di yen (2,1 milioni di sterline) ciascuna. “Il Giappone è molto bravo nell’animazione, nei giochi, nei robot e nelle automobili, quindi ho pensato che sarebbe stato fantastico se potessi creare un prodotto che mettesse insieme tutti questi elementi in uno solo”.

“Volevo creare qualcosa che dicesse: ‘Questo è il Giappone’.” Tuttavia, Yoshida spera che un giorno i robot possano essere utilizzati per i soccorsi in caso di calamità o nell’industria spaziale. Dispone di nove telecamere che catturano immagini dal vivo che possono essere trasmesse ai quattro monitor della cabina di pilotaggio per l’operatore.

Per l’esterno del robot è stata utilizzata plastica rinforzata con fibre e un’azienda siderurgica ha costruito il telaio della macchina. Ma all’interno della sua struttura in lega di ferro/alluminio, Archax offre 26 punti di articolazione, con pannelli della carrozzeria realizzati in FRP e plastica ASA. Tsubame ha rilasciato un teaser di “visualizzazione dinamica” in terza persona per Archax tramite il proprio canale YouTube in agosto.