Belen causa di un disservizio in ospedale! Vediamo cos’è successo.

Belen Rodriguez ha dato alla luce la figlia Luna Marì, ma la sua presenza nell’ospedale di Padova sta creando dei disagi. Ecco i dettagli.

Belen Rodriguez
Belen Rodriguez all’ospedale (blogtv.it)

Sembra che Belen Rodriguez sia stata protagonista di alcune polemiche nell’Ospedale Giustinianeo di Padova, la sua presenza nella struttura ha causato un disservizio. La giustificazione è stata Causa Belen.

Belen causa un disservizio in ospedale!

Il 12 luglio Belen Rodriguez ha dato alla luce la piccola Luna Marì, figlia dell’hair stylist e fotografo 26enne Antonio Spinalbese. I due ci hanno tenuto subito a comunicare sui social la loro felicità, sentimento che è stato condiviso anche dall’ex fidanzato dell’argentina Fabrizio Corona.

[ADISNERTER AMP]

LEGGI ANCHE -> Belen è stata sostituita da Giulia Stabile a Tu si que vales? La verità

Negli ultimi giorni però, il lieto evento ha causato qualche disagio all’interno dell’Ospedale Giustinianeo di Padova, struttura in cui si trova la showgirl. A quanto pare il personale medico ha riservato a Belen un intero reparto e di conseguenza il piano dell’ascensore è stato bloccato e reso irraggiungibile.

Il disservizio è stato giustificato con “Causa Belen” e pare che la decisione sia stata presa da un/una certo/a P.I. Non si è ancora capito se la sigla si riferisca al personale infermieri oppure faccia riferimento ad una persona specifica. Nessuno nell’equipe medica ha un nome che corrisponde alle iniziali P.I: la direttrice del reparto Ostetrica e Ginecologia è la Dott.ssa Maria Teresa Gervasi, mentre la direttrice del dipartimento è la Prof.ssa Liviana Da Dalt.

Rimane un mistero quindi chi abbia deciso di riservare un intero piano alla celebrità, fatto sta che è stato confermato che i piani dell’ascensore corrispondenti rimarranno inutilizzabili “fino a nuovo ordine“. 

Speriamo, a questo punto, che il “soggiorno” di Belen nell’ospedale non si protragga troppo a lungo.

LEGGI ANCHE -> Belen Rodriguez mamma bis: Ecco la reazione di Stefano De Martino

 

Impostazioni privacy