Michelle Hunziker, tra ricatti e violenze: “Costretta a difendermi con un coltello”

0
483

Ancora una volta la conduttrice televisiva si è raccontata senza freni parlando di un passato difficile e fatto spesso di ricatti per raggiungere il successo

 

 

michelle hunziker

Come già ha spiegato in altre occasioni, Michelle Hunziker non ha avuto un passato facile. La vita della conduttrice televisiva, fin da piccola è sempre stata difficile e a svelare altri retroscena inquietanti, è stata proprio lei stessa in una recente intervista. Parlando al giornalista di Chi, la moglie di Tomaso Trussardi ha ammesso che sorride sempre perché conosce bene il dolore. Non solo i problemi del padre con l’alcol, che hanno l’hanno segnata durante l’infanzia, o la setta che l’ha plagiata…

“Mi sono trovata sul letto con un coltello in mano”

Michelle Hunziker nel corso dell’intervista rilasciata al settimanale diretto da Alfonso Signorini, ha voluto ricordare un triste episodio accaduto anni fa, quando non era ancora non era conosciuta al pubblico ma che purtroppo l’ha segnata per sempre.

“Ho vissuto situazioni terribili”, ha sottolineato. “Tempo fa ero in una casetta in affitto, un monolocale con una porta e delle tapparelle qualsiasi. Uno che era davanti al cinema chiuso una sera mi ha seguita, voleva entrare, cercava di sfondare la porta, diceva le cose peggiori. E io mi sono trovata seduta sul letto con un coltello in mano a pregare che non riuscisse a entrare”.

Michelle Hunziker e il difficile passato

Il drammatico racconto di Michelle Hunziker però non è finito qui. La conduttrice, ha parlato anche di ricatti sessuali ricevuti per ottenere ingaggi o premiazioni. L’ex moglie di Eros ha spiegato che ha dovuto fare i conti con avance e richieste scomode, parlando di persone che le hanno promesso il mondo in cambio di una notte di passione o di storie nascoste. “Mi è capitato di tutto e di più, ma sono riuscita a non cadere in nessuna trappola”.

Prima di concludere, la modella ha aggiunto che quel suo sorriso che tiene sempre stampato sul viso nasconde molto dolore e non è di certo superficialità. E’ solo un modo per ringraziare la vita che nonostante tutto è stata molto clemente e le ha permesso di diventare ciò che ha sempre desiderato e non solo a livello professionale.