Messaggio al marito “Troverai del sangue a casa, non ti preoccupare”

0
463

Dopo aver brutalmente ucciso i due figli piccoli, ha inviato un messaggio per avvisare che l’appartamento era sporco di sangue.

 

Ancora atroci violenze su minori. Dopo il caso della maestra che, con l’aiuto dell’assistente scolastica, ha bastonato una bimba di appena sei anni, questa volta un brutale duplice omicidio. Le vittime – riferisce Leggo – una bambina di 8 anni e un neonato di 10 mesi. La mano che ha tolto loro la vita è stata proprio quella che avrebbe dovuto difenderli da tutto e da tutti: quella della loro mamma.

E’ accaduto a Newport, negli Stati Uniti. Una donna di 35 anni, Sarah Ganoe ha accoltellato per ben 50 volte la figlia e poi ha riversato tutta la sua furia sul secondogenito di appena dieci mesi. Dopodiché ha inviato un messaggio al marito, John Howard, per avvisarlo che al rientro avrebbe trovato l’appartamento sporco di sangue ma lo invitava a non allarmarsi poiché – secondo la donna – non era accaduto nulla di grave: “Troverai del sangue a casa, non preoccuparti” – le parole di Sarah.

L’uomo si è precipitato a casa per capire cosa era successo. Una volta arrivato – riporta Il Mattino – si è trovato di fronte ad una scena da film dell’orrore: non solo l’abitazione era inondata di sangue ma i due bambini erano stati sventrati. I due piccoli corpi, con le viscere completamente fuori dal corpo, giacevano morti accanto alla mamma- viva – sdraiati sul letto nuziale. Nonostante l’arrivo immediato dei soccorsi chiamati dal papà, per la figlia maggiore non c’è stato nulla da fare, era già morta. Sul suo corpo sono stati rinvenuti segni di morsi che fanno supporre agli inquirenti che la bambina abbia provato a difendersi e a sfuggire alla furia della madre. Mentre il piccolo – affetto dallo spettro dell’autismo – nonostante le ferite gravissime, è ancora vivo. Sarah per sviscerare i suoi bambini ha utilizzato un coltellino tascabile. Al momento sono in corso le indagini per capire cosa abbia spinto la donna a commettere il folle gesto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here