Wurstel: nuovo ritiro | Sempre salmonella, ecco la marca

0
5
Fonti ed evidenze: greenme.it

Recentemente c’è stato un allarme riguardo delle confezioni, dello stesso lotto, di wurstel. Sono a base di pollo e tacchino LeCock del marchio Scarlino. Si è verificato un richiamo dal mercato, dato che è stata rilevata la presenza di contaminazione da salmonella.

I wurstel sono sempre sotto la lente d’ingrandimento. In passato si sono spesso verificati dei casi di listeria e poi negli ultimi giorni anche dei casi di salmonella. Un qualcosa che ha allertato sia le catene alimentari, supermercati, salumeria ma anche e soprattutto i consumatori.

 

Come al solito chi informa in modo sicuro e allarmante di queste contaminazioni è il Ministero della Salute. Informa infatti del richiamo da parte del produttore di un lotto di wurstel LeCock del marchio Scarlino, a base di pollo e tacchino.

Le motivazioni del ritiro

Nelle motivazioni si legge quanto segue “RISCHIO GRAVE PER LA SALUTE DEI CONSUMATORI PER RILEVATA PRESENZA DI SALMONELLA SPP”.

I wurstel che risultano contaminati sono stati prodotti dall’azienda Salumificio Scarlino Srl. Nello specifico nello stabilimento di SP 360 per Casarano km 10,3 a Ugento nella provincia di Lecce. Nel dettaglio il marchio d’identificazione è IT1253L.

Attenzione quindi alle confezioni e il lotto da non consumare assolutamente, ossia le seguenti confezioni: 10×1 kg, 3×250 grammi e multipack 3×250 grammi. Lotto 02/03/23L1 con termine minimo di conservazione 02/03/2023. Vi alleghiamo qui di seguito la nota di richiamo pubblicata sul sito del Ministero della Salute

wurstel richiamo salmonella

@Ministero della Salute 

Quindi l’allarme si rivolge a tutti coloro che in qualità di consumatori hanno recentemente acquistato il prodotto in questione. Se nel vostro carrello della spesa vi è stato il wurstel di questo marchio, con tutti i dettagli che abbiamo indicato nello specifico, allora bisogna controllate immediatamente il lotto. In caso, dopo l’attento controllo, corrispondano tutti i dati che sono stati forniti dal Ministero della Salute e nel nostro articolo, vi invitiamo a controllare con estrema attenzione il prodotto che avete in frigo. Cosa fondamentale non bisogna assolutamente consumare il prodotto. Quello che va immediatamente fatto è di riportare la confezione al punto vendita dove è stato acquistato che provvederà al ritiro totale del prodotto, così come si sta già verificando in questi giorni in cui il Ministero ha lanciato l’allarme.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here