Marisa esce di casa e non torna più: ha incontrato un cinghiale

0
348
Fonti ed evidenze: Repubblica, Today

Quello dei cinghiali è ormai un problema che affligge tutto il Paese. Una donna ci ha rimesso la vita e, di certo, non sarà l’unica.

Non solo campi devastati e intere colture andate perse. I cinghiali rappresentano ormai un problema per tutti, non solo per i contadini. Loro malgrado questi animali, spesso, mettono a rischio la vita dell’essere umano.

ANSA/ LARA SIRIGNANO/ARCHIVIO

Qualche tempo fa, a Roma, un ragazzino in bicicletta fu aggredito da un cinghiale. Mentre a Villanova Mondovì – in provincia di Cuneo – una donna ci ha addirittura rimesso la vita. La vittima si chiamava Marisa Verdirose e aveva 55 anni. Era in macchina con il marito e i figli, si è scontrata con un cinghiale. L’animale è sbucato all’improvviso, nel tentativo di schivarlo l’auto su cui viaggiava la 55enne con la famiglia è finita fuori strada. Il sinistro si è verificato  intorno alle 22, in via Boves.

Per estrarre i feriti dall’auto sono dovuti intervenire i Vigili del Fuoco di Mondovì e i volontari di Morozzo. Il marito della donna, che  era alla guida, è rimasto ferito in modo serio: è stato trasportato in ospedale e con lui anche i figli della coppia. Per la donna, invece, non c’è stato niente da fare: è morta sul colpo. La questione cinghiali, nel cuneese, ma anche nel resto del Piemonte  è stata spesso sollevata dalle associazioni di categoria, dagli amministratori locali e anche dagli assessori regionali. I cinghiali rappresentano una “mina vagante” per automobilisti, motociclisti, ciclisti. La loro presenza rende le strade poco sicure soprattutto laddove si tratta di una presenza massiccia. Alcuni assessori piemontesi hanno più volte sollecitato il Governo a concedere deroghe alla caccia.  Un’altra soluzione potrebbe essere rappresentata dalla sterilizzazione che, tuttavia, comporterebbe dei costi per le amministrazioni comunali o regionali interessate. Negli ultimi dieci anni la presenza dei cinghiali nel nostro Paese – non solo in Piemonte, anche la Sicilia, la Liguria e il Lazio patiscono lo stesso problema – è cresciuta in misura importante. E con essa sono aumentati di molto anche gli incidenti stradali dovuti a questi animali che, probabilmente in cerca di cibo per i loro cuccioli, sbucano all’improvviso sulle strade.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here