Parrucchieri, notizia spiazzante: potrebbero aderire in molti

0
422

L’idea di un parrucchiere palermitano sta facendo il giro del web e sembra che in tanti adesso vogliono aderire alla sua associazione.

parruchieri
Una grande novità in un salone a Palermo

Tutto è partito così: un noto parrucchiere della città di Palermo ha deciso di creare nel suo salone di bellezza per uomini una sorte di stanzino dove sottoporsi al vaccino. L’uomo ha messo a disposizione tutto ciò che occorre ai medici.C’è il lettino, la scrivania, un computer per registrare le pratiche. Continuiamo a ricevere tante telefonate di prenotazione, ha fatto sapere. Un’idea un pò bizzarra ma che sembra stia dando il giusto risultato. Vediamo perchè e cosa ne pensano gli abitanti della cittadina.

L’idea di Nunzio Reina di Palermo

Gli appuntamenti con i medici saranno concordati con la struttura del commissario. La prossima settimana inizieranno con le prime dosi e per il signor Nunzio Reina questo si sta rivelando un grande successo.

I medici della squadra di Renato Costa, il Commissario per l’emergenza Covid si recheranno in via XX settembre nella giornata di giovedì per iniziare con le inoculazioni.

Leggi anche Termosifoni: usa questo trucco e la casa profumerà in modo incredibile

Vaccinarsi dal barbiere ora è possibile!

Il signor Reina ha voluto mettere a disposizione dei suoi paesani uno stanzino, per far si che almeno i suoi clienti iniziano a vaccinarsi contro il Covid. Nunzio ha fatto sapere che saranno iniettate solo venti dosi alla volta ovvero un massimo di venti persone al giorno.

L’imprenditore ha fatto sapere che da quando ha lanciato questa iniziativa ha ricevuto numerose telefonate e si è detto fiero. “E’ solo l’inizio. Sono stato contattato 

parrucchieri
ecco l’idea bizzarra di un negoziante di palermo

Leggi anche Beautiful: Un errore fatale per Zende, ecco cosa succede

L’idea è piaciuta anche ai suoi concittadini che hanno già prenotato la prima, la seconda e la terza dose.  “L’obiettivo è vaccinare tante persone. A volte, gli anziani hanno difficoltà a recarsi negli hub o non possono sostenere lunghe attese. Da noi invece, un numero limitato di persone, trova tutte le comodità e, nell’attesa, si dedica al benessere personale”.