Scoperta in Italia una sospetta nuova variante del Covid: “Mix di mutazioni mai visto”

0
686

E’ stata isolata nel nostro Paese una sospetta nuova variante del Covid: presenta un pool di mutazioni che potrebbe rendere inefficaci i vaccini.

Covid, scoperta una nuova variante nel nostro Paese

Si allarga sempre più il ventaglio delle varianti del Covid: dopo quella bretone, un’altra è stata isolata in Italia, riscontrata in una donna risultata positiva al tampone in provincia di Novara. La segnalazione, in attesa dell’esito delle analisi in corso presso il Ceinge di Napoli da parte della task force Covid-19 della Regione Campania, è arrivata dal laboratorio Cerba di Milano, diretto dal virologo Francesco Broccolo dell’Università di Milano-Bicocca. Come riferito dallo stesso Broccolo all’agenzia Adnkronos, il sequenziamento ha rivelato “un’insolita combinazione di mutazioni note e nuove: caratteristiche delle varianti inglese e nigeriana, più quattro mutazioni finora non associate a nessuna variante in particolare“.

LEGGI ANCHE –> Morti sospette e indagini: cosa differenzia AstraZeneca dagli altri vaccini anti Covid

“E’ presto per parlare di nuova variante”

Di queste quattro mutazioni, due riguardano la proteina Spike che il Coronavirus utilizza per aggredire le cellule e che è anche il principale bersaglio degli attuali vaccini anti-Covid, motivo per il quale si paventa che “potrebbe essere immunodominante e potrebbe cambiare l’efficienza dei vaccini ma è tutto da vedere – ha precisato Broccolo –  È certo che questa mutazione è degna di nota“.

Tuttavia, “è presto per parlare di nuova variante” per il virologo Broccolo che ha evidenziato che è necessario attendere il completamento del sequenziamento dell’intero genoma che è tuttora in corso presso i laboratori del Ceinge dell’Università Federico II° di Napoli proprio per “per comprendere l’attività sinergica delle diverse mutazioni sulla capacità infettiva e sulla resistenza agli anticorpi neutralizzanti evocati dai vaccini”.  Broccolo ha reso noto anche che la paziente risultata positiva sta bene ed è in quarantena, il marito è negativo. Questi – ha puntualizzato – sono elementi interessanti e rassicuranti che vanno ribaditi”.