UK, gelato avvelenato per uccidere il principino George: il folle piano di un terrorista

0
85

Paura alla Corte britannica: nel corso del processo a carico di un terrorista è emerso il folle piano per uccidere il principino George con un gelato avvelenato

UK, paura a Corte: volevano uccidere il principino George con un gelato avvelenato

Nel corso del processo a carico di un presunto terrorista, Sahayb Abu, residente a Dagenham, sobborgo orientale di Londra, arrestato lo scorso 9 luglio con l’accusa di aver pianificato un attentato terroristico nel Regno Unito, fortunatamente sventato in seguito al suo arresto, è emerso il folle piano di un altro terrorista per attentare alla vita del principino George, primogenito del Duca di Cambridge William e quindi terzo in linea di successione al trono britannico, con un gelato avvelenato. A incastrare l’aspirante terrorista è stato un agente di polizia sotto copertura a cui aveva confidato i propri progetti terroristici.

LEGGI ANCHE –> Bancomat, stangata in arrivo: attenzione al costo dei prelievi

UK, gelato avvelenato per uccidere il principino George: il folle piano di un terrorista

Proprio durante la sua deposizione in aula l’agente sotto copertura ha rivelato ciò che il 27enne gli aveva ha raccontato in merito all’attentato architettato da un conoscente di Sahayb Abu contro il principino George. Nel dettaglio, la giuria ha ascoltato una registrazione di una conversazione tra l’agente e Abu in cui si sente quest’ultimo dire: “Lui voleva prendere di mira la famiglia, la famiglia reale. Sai qual era il suo piano? Vai al più vicino Sainsbury’s  e metti del veleno nei gelati così quando la famiglia reale andrà a comprare i gelati lì, molto probabilmente il figlio li mangerà“.

LEGGI ANCHE –> GF Vip, Giulia Salemi eliminata dalla Casa, Pierpaolo Pretelli scoppia in lacrime

Abu ha negato ogni addebito, tuttavia proprio le registrazioni delle sue confidenze all’agente e l’acquisto di una spada, di due passamontagna, di un cappello da combattimento e di un giubbotto sono stati considerati come gli atti preparatori di un attacco terroristico.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here