Variante covid: il vaccino della Pfeizer-BionTech potrebbe essere efficace

0
548

Il Vaccino dell BionTech potrebbe essere efficace anche contro la variante inglese.

Stando a quanto dichiarato dall’amministratore delegato di BioNTech, Ugur Sahin, sembrerebbe che il vaccino contro il Coronavirus, sviluppato dalla stessa casa tedesca, in collaborazione con l’Americana Pfizer, abbia efficacia anche contro la variante inglese del virus. L’ amministratore delegato di BionTech, però ha precisato che, per averne la certezza, sarà necessario attendere che vengano completati altri studi e proprio in merito a questo ha affermato:

”Non sappiamo al momento se il nostro vaccino è anche in grado di fornire protezione contro questa nuova variante”, ma visto che le proteine ​​sulla variante sono al 99% le stesse delle varianti prevalenti già contrastate, la BioNTech ha “fiducia” nell’efficacia anche su questo ceppo, concludendo infatti con la frase: “La probabilità che il nostro vaccino funzioni è relativamente alta”.

sahin
Ugur Sahin

Se quello in distribuzione non funzionasse, “nuovo vaccino entro sei settimane”.

L’azienda tedesca nel frattempo sta continuando a condurre ulteriori studi e spera di poter dare la certezza dell’efficacia del vaccino, già nelle prossime settimane riferendo anche che, qualora la fiducia riposta, si rivelasse malauguratamente infondata, si è detta comunque in grado di sviluppare un nuovo vaccino, in sei settimane. Su questo punto l’A.D. di BionTech ha aggiunto:

”Possiamo iniziare direttamente a progettare un vaccino che imiti completamente questa nuova mutazione e potremmo essere in grado di fornirne uno nuovo tecnicamente entro sei settimane”.

biontech

Potrebbe interessarti anche: Rincari: aumenta il costo delle revisioni auto

BionTech apre altre fabbriche per accelerare la produzione 

BioNTech infine, ha affermato Sahin, è pronta ad accelerare sulla produzione, aprendo altri impianti in Germania, per far si che le dosi previste, per la seconda metà del prossimo anno, siano consegnate ai diversi Paesi europei, entro i primi sei mesi del 2021.