Italia: arriva finalmente una buona notizia

0
29
Fonti ed evidenze: greenme.it

Circa il riciclo della carta siamo davvero avanti, infatti l’Italia è la seconda nazione in Europa per il riciclo della carta. Il primato spetta alla Germania, ma sicuramente questa posizione ci fa davvero onore.

Il riciclo della carta di cui l’ Italia vanta la seconda posizione è davvero lodevole. Il nostro Paese quindi può essere fiero e orgoglioso di aver raggiunto questo traguardo e di continuare a tenere altro lo scettro.

Italia_ arriva finalmente una buona notizia
Italia, arriva finalmente una buona notizia
(pixabay.com)

Sono circa 7 milioni le tonnellate di carta da macero, pari a 13,3 tonnellate al minuto, che collocano l’Italia in una posizione molto importante, ossia al secondo posto tra le altre nazioni dell’ Europa per quanto concerne il riciclo di carta. Una cifra non da poco, sicuramente.

Il nostro primato

Grazie a una rete capillare d’impianti di trattamento rifiuti, addirittura se ne contano circa 600 in Italia, arrivano le raccolte differenziate di carta e cartone. Queste provengono da varie fonti come i Comuni, le attività commerciali, quelle artigianali, industriali e terziarie. Insomma le fonti sono davvero ramificate sul territorio. Si parte proprio dalla raccolta differenziata, poi si arriva alla produzione di una nuova materia prima, con una nuova immissione nel ciclo produttivo in cartiera. Poi il tutto si tramuta in nuovi imballaggi di carta. Un ciclo davvero importante per il riciclo della carta.

Questo aspetto così importante per la nostra nazione, di avere un’ottima posizione nel riciclo della carta, deve anche farci aprire gli occhi su un aspetto importante, da non sottovalutare, ossia la guerra in Ucraina e i conseguenti aumenti dei prezzi dell’energia. Questi aspetti appena citati infatti stanno facendo emergere alcune problematiche nella filiera. Per fortuna il comparto della carta da macero non sta subendo un processo di rallentamento, ma in generale si sta verificando una crisi che sta travolgendo quelle che sono le attività delle imprese del riciclo.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here