Lavoro: ecco gli errori da non fare mai se lo cerchi

0
344

Quando si è alla ricerca di lavoro si tenta di tutto, ma non sempre è giusto. Ci sono degli errori da non commettere mai se vogliamo essere sicuri di trovare il giusto lavoro per noi. Scopriamo quali sono gli errori comuni.

Come cercare lavoro in modo corretto
Come cercare lavoro in modo corretto
(pixabay.com)

 

Nella ricerca del lavoro  bisogna considerare dei parametri come: le caratteristiche del lavoro, decidere se si vuole essere dipendenti o indipendenti, lavorare per una grande o piccola azienda e poi decidere se si vuole fare un trasferimento o restare nella propria città

Nel momento in cui si invia il curriculum vitae bisogna essere sicuri e decisi a chi va inviato e come deve essere compilato. Vediamo nel dettaglio quali errori evitare.

Gli errori da non commettere quando si cerca lavoro

La ricerca del lavoro e gli errori da evitare
La ricerca del lavoro e gli errori da evitare
(pixabay.com)

Sicuramente essere costanti nella ricerca del lavoro aiuta molto. Bisogna avere una routine giornaliera nella ricerca e nell’invio della candidatura, non farlo sicuramente ogni tanto. La costanza, come in tutte le cose, premia sempre.

Non bisogna concentrarsi su una sola opzione della ricerca, dato che è molto limitante,  per evitare questo errore si consiglia di caricare il proprio curriculum su alcuni portali come la piattaforma Indeed.

I datori di lavoro notano i curricula vitae anche se non hanno inserito una ricerca di personale. Fondamentale è la sezione “lavora con noi” dove il candidato inserisce nel sito dell’azienda spontaneamente il suo curriculum.

Sicuramente tutti sono sempre in attesa di risposte dopo avere inviato la candidatura, ma non sempre esse arrivano velocemente, ci vuole del tempo. Come utilizzare questo tempo di attesa?  Ci sono tante cose da fare e anche utili come i corsi di formazione, imparare un software specifico, oppure imparare o migliorare una lingua straniera.

Sicuramente sarà un tempo speso bene per migliorare il nostro curriculum vitae.Fondamentale poi è cercare di essere convinti di quello che si fa ma anche delle proprie risorse e capacità. Se non ci stimiamo a livello professionale non possiamo convincere un datore di lavoro ad assumerci.

Spesso le aziende in fase di colloquio pongono delle domande specifiche proprio per testare la considerazione che il candidato ha di stesso, una tra tante è: “Perché la nostra azienda dovrebbe assumerla?”

Bisogna giocarsi bene la risposta mostrando non superiorità e arroganza, ma convinzione di se stessi e delle proprie capacità.