Forse riusciremo ad andare al mare senza mascherina, dice il sottosegretario Sileri

0
171

Al mare senza mascherina ma con precauzioni, per il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, tuttavia al momento la zona gialla è un miraggio

Sileri: "Al mare senza mascherina ma con precauzioni"
(Getty Images)

Io mi immagino di andare in spiaggia senza mascherina, ma ovviamente sempre con le precauzioni previste“, è l’auspicio del sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, ospite ieri della trasmissione “Un Giorno da Pecora“, su Rai Radio1, che poi ha puntualizzato: “Mi aspetto che a giugno, avendo tutte le dosi promesse, potremmo avere magari i due terzi della popolazione, se non i tre quarti, di coloro che desiderano la vaccinazione che possano aver già ricevuto una dose“. Una previsione incoraggiante dopo che Andrea Crisanti, Direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Università di Padova, appena ieri ha sentenziato che l‘estate prossima sarà diversa da quella del 2020, vissuta in totale libertà, dal momento che si registreranno comunque 7-8 mila positivi al Covid al giorno.

LEGGI ANCHE –> Dimentichiamoci fin d’ora di passare un’estate in piena libertà, è l’avviso di Andrea Crisanti

Quanto alla colorazione delle Regioni, il sottosegretario ha precisato che “i dati mostreranno un miglioramento questa settimana ma il giallo in questo momento non esiste. Però verso fine aprile vedo un notevole miglioramento della circolazione del virus tale da poter davvero alleggerire le misure anti-Covid“. Una prospettiva che Sileri non giudica “ottimista” bensì “realista“: “Adesso vi è un decreto che regola la vita fino a Pasquetta ma dopo torneremo con la colorazione delle Regioni e i famosi 21 parametri, con le Regioni che vedono miglioramenti che torneranno alla zona gialla e perché no, spero, anche a quella bianca”. In merito alle riaperture, ha precisato Sileri, “ad oggi stiamo vivendo ancora la terza ondata ma in prospettiva bisogna pensare anche alle riaperture: ora non sono pensabili ma sono programmabili. Poi è chiaro, se arrivasse un’ulteriore variante, le cose non potranno andare così. Il miglior vaccino – ha  concluso il sottosegretario – arriverà tra un po’ e sarà l’estate perché questo virus non ama tanto l’estate“.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here