Il mistero del mammut lanoso: un nuovo studio fa luce sulla sua estinzione

0
24

Un nuovo studio potrebbe finalmente risolvere il mistero dell’estinzione dei mammut, grazie a una zanna di 14.000 anni fa.

I ricercatori hanno scoperto la zanna di un mammut di 14.000 anni fa in un luogo insolito. Il ritrovamento è avvenuto in un campeggio a Swan Point, in Alaska e apparteneva a una femmina di mammut di 20 anni.

Estinzione dei mammut: colpa degli esseri umani
Mammut lanoso: ecco cosa ha rivelato un nuovo studio – formatonews.it

Non è chiaro come la zanna sia finita lì: è stata la caccia del mammut o è stata portata lì dagli esseri umani? Tuttavia, grazie a un nuovo studio pubblicato sulla rivista Science Advances, gli scienziati potrebbero finalmente risolvere il mistero.

Ecco cosa ha rivelato il nuovo studio sulla zanna del mammut

I ricercatori hanno condiviso alcune teorie sull’estinzione dei mammut, che potrebbe essere stata influenzata dall’interazione umana. “Il periodo di circa 1000 anni di sovrapposizione tra esseri umani e mammut in Alaska evidenzia il potenziale di interazione, inclusa la caccia, che avrebbe influenzato la dinamica dell’estinzione dei mammut, un aspetto chiave del più ampio dibattito sulle cause dell’estinzione della megafauna nelle Americhe “, si legge nello studio. Dunque, le prove indicano che il ruolo umano in altre estinzioni nelle Americhe potrebbe essere stato sostanziale.

Mammut studio ricercatori
Nuovo studio sui mammut rivela importanti novità sulla loro estinzione -formatonews.it)

Inoltre, osservando gli isotipi nelle ossa dei campioni, i ricercatori possono dipingere un quadro migliore di come vivevano e morivano gli animali. “Era una giovane adulta nel fiore degli anni”, spiega Matthew Wooller, uno degli autori dello studio e paleo-ecologo dell’Università dell’Alaska Fairbanks. “I suoi isotopi hanno mostrato che non era malnutrita e che è morta nella stessa stagione del campo di caccia stagionale a Swan Point dove è stata trovata la sua zanna.”

Gli isotopi sono specie nucleari distinte dello stesso elemento chimico che gli scienziati possono analizzare per ottenere ulteriori informazioni. Dopo aver esaminato gli isotopi del mammut, gli scienziati hanno rivelato che era originario della regione dello Yukon in Canada. Ad un certo punto, il mammut migrò per 621 miglia in tre anni verso l’Alaska.

L’area presentava siti archeologici di 20.000 anni fa che appartenevano ad alcuni dei primi migranti umani dall’Eurasia. “La presenza contemporanea di aree hotspot sia umane che mammut nel paesaggio della Beringia probabilmente non è casuale”, hanno detto i ricercatori.

Lo studio suggerisce che i primi abitanti dell’Alaska avrebbero potuto strutturare i loro insediamenti sulla base della prevalenza dei mammut. Ciò è dovuto al potenziale utilizzo degli animali come materie prime e probabilmente come cibo.