Banca: posso ritirare tutti i soldi? Ecco la risposta

Cosa fare dei propri risparmi valutando persino la possibilità di svuotare il conto corrente di tutti i soldi così da sentirsi più al sicuro.

Cerchiamo di fare chiarezza. Va detto che una banca può fallire. Intanto c’è l’intervento dello Stato, che fornisce alla banca prestiti, garanzie e sostegni economici, dopodiché potrebbero anche intervenire altri istituti di credito con operazioni tipo fusioni, incorporazioni o vere e proprie cessioni.

Banca ritirare soldi
Banca: posso ritirare tutti i soldi? Ecco la risposta – Formatonews.it

Resta il fatto che anche in caso di fallimento i soldi sul conto corrente godono comunque di una serie di tutele. Quindi anche se questo fallimento dovesse arrivare, ci sono comunque delle tutele importanti.

Cosa c’è da sapere

[ADISNERTER AMP]

Nonostante queste rassicurazioni, però, potreste comunque essere interessati a togliere tutti i soldi dal conto corrente. A tal proposito, è bene fare chiarezza su quando ciò è possibile nonché se esiste un limite da non superare. È bene spiegare fin da subito che esistono delle regole differenti per i privati cittadini rispetto agli imprenditori. Per il privato cittadino vi è la libertà di prelevare quanti soldi si vuole dal conto corrente. È ovvio il motivo per cui prelevare tutti i contanti dal conto corrente potrebbe destare sospetti da parte del fisco.

Banca ritirare soldi
Non superare una certa cifra di contanti durante il prelievo – Formatonews.it

Tra le ragioni che potrebbero portare a una tale decisione, infatti, ci sono anche quelle poco legittime, come ad esempio un’evasione fiscale, o peggio ancora un’attività criminosa che ha bisogno di immediata liquidità, ecco quindi la necessità di avere subito dei contanti. Facciamo chiarezza e soffermiamoci sulle regole che devono rispettare gli imprenditori. Nel dettaglio, quando il prelievo di contanti viene effettuato da un titolare di una ditta individuale o anche di una società, questo ha l’obbligo di documentare la destinazione degli stessi, dichiarando proprio al Fisco come questi soldi verranno spesi.

Dobbiamo precisare che la giustificazione è obbligatoria quando si supera la cifra dei 1.000 euro di prelievo giornaliero, oppure anche quando si supera la cifra dei 5.000 euro di prelievi in un mese.

Non ci sono limiti, invece, per delle determinate categorie ossia i privati e per i liberi professionisti. Va precisato un aspetto molto importante, ossia quando si superano i 10.000 euro di prelievo in contanti durante lo stesso mese, la banca ha la possibilità di chiedere un chiarimento al correntista riguardo all’utilizzo che intende fare del contante prelevato.

Essendo la cifra molto alta è giusto che la banca esegua un controllo per cercare di capire se vi sono dei movimenti illeciti. Si tratta comunque di una possibilità alquanto remota, specialmente quando il correntista non ha alcun precedente che possa far pensare a una vera e propria attività losca dietro la necessità di prelevare tutto il denaro contante dal conto corrente. Quindi, quello che dobbiamo precisare è che dal conto corrente è possibile prelevare senza limiti, ma con l’accortezza a superare i 10.000 euro solo laddove ne risulti una valida motivazione, e fermo restando però che il denaro che viene prelevato non risulti essere un oggetto di scambio di denaro superiore alla cifra dei 5.000 euro che avviene con un’altra persona.

 

Impostazioni privacy