lunedì , 16 luglio 2018
Home » Fai da te » Come pulire la parte interna del parabrezza
Come pulire la parte interna del parabrezza

Come pulire la parte interna del parabrezza

Pulire il parabrezza auto lato interno è più impegnativo rispetto alla pulizia dei vetri dell’auto lato esterno in quanto bisogna togliere gli aloni in maniera definitiva per non avere riflessi. Il lato esterno dei vetri è solitamente più sgrassato in quanto le spazzole tergicristallo con la pioggia o con l’utilizzo degli spruzzatori per il tergivetro, puliscono spesso il parabrezza ed il lunotto posteriore.
Quando laviamo la nostra auto spesso dimentichiamo di pulire i vetri dalla parte interna o dedichiamo a questa operazione poco tempo dando una passata con un panno. Invece è proprio il lato interno che va pulito bene in quanto dovrà aspettare il prossimo appuntamento all’autolavaggio per ricevere le dovute attenzioni, accompagnandoci per tutta la settimana nelle stesse condizioni in cui lo abbiamo lasciato l’ultima volta che lo abbiamo pulito.
Per pulire i vetri della macchina dalla parte abitacolo abbiamo bisogno di:

oltre ad avere a disposizione del tempo per essere certi di aver levato tutto lo sporco. I vetri puliti sono la croce e delizia di ogni automobilista perché permettono di vedere bene, soprattutto di notte, ma richiedono attenzione per la perfetta pulizia.

Come pulire i vetri dell’auto senza lasciare aloni

Portiamo l’auto all’ombra ed aspettiamo un po’ per far raffreddare i vetri. Cominciamo col mettere un vecchio asciugamano sul cruscotto facendo in modo che il lato più lungo sia conficcato bene nella giuntura tra parabrezza e cruscotto, senza accanirsi ma spingendo solo con le dita. L’asciugamano dovrà essere grande tanto da coprire tutto il cruscotto ed anche il volante con tutti i comandi ed il devioluci. Posiamo al centro dell’asciugamano un foglio di giornale.
Spruzziamo un velo di prodotto per pulire vetri auto sul parabrezza per poi passare un tira acqua, di dimensioni medie, partendo dal perimetro esterno e raggruppando l’umido verso il centro del vetro con movimenti orizzontali facendo attenzione a pulire la lama in gomma ad ogni passaggio.
Si formerà una linea verticale di prodotto, sulla parte centrale del parabrezza, che potremo asciugare col foglio di giornale posato in precedenza al centro dell’asciugamano che fino a questo punto aveva avuto la funzione di raccogliere le gocce di prodotto.
Prendiamo lo spazzolino e spruzziamo sopra un po’ di prodotto per poi passare a pulire gli angoli del cristallo anteriore. Asciughiamo poi con lo stesso foglio di giornale usato prima.
Prendiamo i panni in microfibra nuovi e tagliamo via l’etichetta che potrebbe graffiare.
L’operazione che segue va fatta su piccole porzioni di vetro, pulire metà parabrezza alla volta sarà la soluzione migliore. Spruzziamo nuovamente un velo di prodotto sul vetro e questa volta passiamo con movimenti circolari il panno in microfibra in modo da stenderlo. Velocemente prendiamo un altro panno in microfibra nuovo e, mentre il vetro è ancora umido, lo asciughiamo sempre con movimenti circolari.
Se in controluce si vedono aloni si dovrà rifare tutta la procedura descritta fino a completa pulizia.
A vetro completamente asciutto, pulito e senza aloni accartocciamo un foglio largo di giornale, passandolo su tutta la superficie con movimenti circolari, questa ultima operazione lascerà sul vetro un velo di petrolio contenuto nell’inchiostro che scongiurerà l’appannamento per un po’ di tempo

Come pulire il lunotto termico e finestrini

Questa operazione può essere fatta anche per il vetro posteriore evitando però nel modo più assoluto i movimenti circolari con panni o giornali in quanto si possono rovinare le piste del lunotto termico generalmente molto fragili e costose da riparare. Bisognerà invece fare solo movimenti orizzontali assecondando il verso delle piste sbrinanti. Sarà utile lavorare dall’esterno aprendo il portellone del portabagagli o, in caso di auto 3 volumi, si dovrà lavorare stando sui sedili posteriori e stendendo il vecchio asciugamano sulla cappelliera. Facciamo notare però che il vetro posteriore generalmente è il meno sporco.
Per i finestrini, dopo aver fatto tutte le operazioni descritte in precedenza, sarà utile pulire la guarnizione in gomma del vano in cui scompare il vetro quando abbassiamo il finestrino. Questo scongiurerà che lo sporco presente sulla guarnizione, imbratti il vetro appena pulito.

Pulire il parabrezza auto lato interno è più impegnativo rispetto alla pulizia dei vetri dell’auto lato esterno in quanto bisogna togliere gli aloni in maniera definitiva per non avere riflessi. Il lato esterno dei vetri è solitamente più sgrassato in quanto le spazzole tergicristallo con la pioggia o con l’utilizzo degli spruzzatori per il tergivetro, puliscono spesso il parabrezza ed il lunotto posteriore. Quando laviamo la nostra auto spesso dimentichiamo di pulire i vetri dalla parte interna o dedichiamo a questa operazione poco tempo dando una passata con un panno. Invece è proprio il lato interno che va pulito bene…

Vetri auto come pulirli

Facilità
Trasparenza
Economicità

In questo articolo tanti utili consigli per pulire al meglio la parte interna dei vetri della macchina

User Rating: 4.7 ( 1 votes)

Tutto su Alex Grimaldi