sabato , 21 ottobre 2017
Home » Auto » Trattamento per cambio rumoroso
miglior additivo per cambio manuale

Trattamento per cambio rumoroso

Gli additivi per olio cambio sono efficaci se l’additivo viene aggiunto nel miglior modo possibile. Da manuale un additivo non va messo in automatico ad ogni cambio olio, anzi molte case non prevedono nemmeno la sostituzione dell’olio cambio nelle auto. Già nelle vecchie Opel la campana olio cambio non ha tappi per rabbocco e svuotamento. Ad esempio, nella Tigra prima serie il rabbocco va effettuato dal buco del contachilometri. Per scaricare il vecchio olio cambio si deve smontare tutta la coppa e ripristinarla con silicone nero.
Fortunatamente molte case, seppur non prevedendo la sostituzione dell’olio nella scatola del cambio, danno la possibilità di poterla effettuare ponendo due fori di carico e scarico nella campana. Il foro per il riempimento funziona con il principio del troppo pieno: quando l’olio arriva appena sopra il giusto livello, comincia a fuoriuscire. Questo principio offre, a chi vuole sostituire l’olio cambio, la possibilità di non sbagliare quantità e rende la procedura più facile addirittura del tagliando auto stesso.
Dopo i primi 100.000 Km capita che il cambio diventi rumoroso o tende ad impuntarsi su determinate marce. Forzare per innestare una marcia è la soluzione più sbagliata in assoluto. Spingere forte sulla leva del cambio per far entrare una marcia non farà altro che rovinare i delicati meccanismi (forchette ed ingranaggi) che lavorano all’interno della scatola del cambio.
La soluzione che, nel 99% dei casi, risolve il problema del cambio rumoroso duro o impuntato, è la sostituzione dell’olio cambio con l’aggiunta di un additivo per olio cambio manuale.
Già sostituire l’olio cambio porterà dei vantaggi consistenti. Per protrarre oltremodo la miglioria, occorre aggiungere un buon additivo.

Scelta del giusto olio cambio

Se avete deciso di fare un trattamento olio cambio non dovete solo mettere un additivo al vecchio olio.
Il vecchio olio cambio contiene impurità e residui carboniosi dato che anche nella scatola del cambio si raggiungono temperature degne di nota.
Ve ne accorgerete quando vedrete il vecchio olio (dopo 100.000Km è color marrone nocciola) ed il nuovo olio che spesso è trasparente o giallo chiaro a seconda della casa produttrice.
Date uno sguardo al libretto di uso e manutenzione dal quale dovrete avere due dati importantissimi: viscosità consigliata dell’olio per trasmissioni (solitamente 75W80 oppure 80W90) e quantità. Passate quindi all’acquisto di un adeguato quantitativo di olio per cambi e differenziali come quelli che potrete trovare CLICCANDO QUI
Non cambiate viscosità perché i cambi sono stati progettati per lavorare a determinate resistenze di olio.
Cambiando la viscosità rischiereste di avere un cambio ancora più duro o, nel peggiore dei casi, di avere un cambio auto troppo morbido e si sa che col cambio molle non entrano marce

Il miglior metodo per aggiungere un additivo cambio manuale

Leggete la giusta quantità di additivo da inserire. Molti produttori mettono in commercio confezioni che possono essere usate per due o tre cambi olio trasmissione. Non crediate che metterne di più possa migliorare ulteriormente le prestazioni ed attenetevi alle quantità descritte sulla scatola: se ad esempio c’è scritto che una confezione basti per trattare 6 litri di olio cambio e la vostra auto ne porta 2 litri dovrete usare 1/3 di confezione. Persino nelle utilitarie ci vuole più di un litro d’olio per il cambio quindi: nel momento del rabbocco inserite la prima lattina d’olio per metà, aggiungete la giusta quantità di additivo all’altra metà, agitate energicamente e inserite il contenuto rimanente della lattina del primo litro. Continuate a rabboccare con l’altro olio fino a raggiungere il livello.

Additivi olio cambio sono efficaci dopo poco

Gli additivi olio cambio sono efficaci dopo i primi 10 chilometri dal loro inserimento nella scatola cambio. Sentirete le marce entrare meglio e scalare dalla terza alla seconda sarà un piacere. Attenzione però a non credere nelle favole. Non avrete un cambio più sofisticato o migliore, ma per almeno altri 50.000Km potrete ritrovare il piacere di cambiare marcia con la stessa fluidità di quando l’auto è uscita dal concessionario.
Un cambio al quale è stato fatto un trattamento è comunque un cambio che ha al suo attivo tantissimi chilometri e ha subito parecchi innesti forzati, ha grattato in molte occasioni o peggio ha dovuto inserire la retromarcia tante volte senza mettere la prima per il disimpegno.

Clicca QUI per vedere i migliori additivi olio cambio

Gli additivi per olio cambio sono efficaci se l’additivo viene aggiunto nel miglior modo possibile. Da manuale un additivo non va messo in automatico ad ogni cambio olio, anzi molte case non prevedono nemmeno la sostituzione dell’olio cambio nelle auto. Già nelle vecchie Opel la campana olio cambio non ha tappi per rabbocco e svuotamento. Ad esempio, nella Tigra prima serie il rabbocco va effettuato dal buco del contachilometri. Per scaricare il vecchio olio cambio si deve smontare tutta la coppa e ripristinarla con silicone nero. Fortunatamente molte case, seppur non prevedendo la sostituzione dell’olio nella scatola del cambio, danno…

Additivo olio cambio

Miglioramento di inserimento
Rapporto costo/benefici
Fluidità di cambio

Bardahl - Sintoflon - Wynn's - T&D additive – STP - Tunap sono soltanto alcune delle marche produttrici di ottimi additivi per olio cambio. Sono le più conosciute e quelle con recensioni migliori. Il metodo di miscelazione dell’additivo nell’olio del cambio è sempre lo stesso. Se non sapete come effettuare il cambio olio alla scatola del cambio, consigliamo di rivolgervi ad un meccanico che provvederà a mettere l’auto sul ponte per poter lavorare più comodo ed in piano a livello.

User Rating: No Ratings Yet !

Tutto su Alex Grimaldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.