venerdì , 26 maggio 2017
Home » Bari Calcio » Torrente: “Ai miei ragazzi darei il mio carattere ed il mio orgoglio”
torrente allenatore bari

Torrente: “Ai miei ragazzi darei il mio carattere ed il mio orgoglio”

Per superare il Crotone il tecnico biancorosso darebbe ai suoi tutta la sua grinta da giocatore

 

Ritornare ad essere al più presto la squadra che ha dato tante soddisfazioni ad inizio campionato. E’ questo quello che vorrebbe rivedere, già a partire da domani contro il Crotone, il tecnico Torrente dopo la deludente e negativa prestazione di sabato scorso in casa contro il Varese. Nella seconda gara consecutiva casalinga i biancorossi dovranno tentare di conquistare i tre punti perché un pareggio non servirebbe a nulla. Contro i calabresi il tecnico biancorosso dovrebbe recuperare Romizi a centrocampo, e, al contrario, dovrà fare a meno di Sciaudone, squalificato. Questa la probabile formazione che potrebbe scendere in campo domani pomeriggio al San Nicola contro la formazione allenata da mister Drago. Lamanna tra i pali; difesa a 4 con Ristovski; Ceppitelli; Polenta; Rossi. Centrocampo a 3 con, uno tra De Falco e Defendi; Romizi e Bellomo. In attacco Fedato; Caputo e Tallo.  Nella consueta conferenza stampa pre – partita mister Torrente ha esordito parlando del momento negativo della squadra. “Questo per noi è un momento importante: Inoltre sarà una partita importante soprattutto per la classifica e per il morale. Domani dovremo cercare di fare risultato contro una concorrente per la salvezza come il Crotone. Sappiamo che una vittoria vale doppio. Domani proveremo a battere il Crotone”. Torrente ha parlato della rosa ampia che avrà a disposizione domani. “A parte la squalifica di Sciaudone avrò a disposizione tutti i ragazzi. Cercherò di fare le scelte migliori per battere il Crotone. Per quanto riguarda l’attacco, ho a disposizione sei attaccanti. Sicuramente qualcosa cambierò in attacco”. E su Tallo ha detto. “Sta migliorando fisicamente ed anche con i suoi compagni di reparto. Questa settimana è stato due giorni fermo. Dovrò valutare la condizione”. Il tecnico biancorosso ha anche spiegato come sta vivendo lui questa situazione particolare del Bari. “Questa situazione la sto vivendo in modo equilibrato e da professionista serio come ho sempre fatto nella mia carriera da giocatore e da allenatore. So che ci sono dei momenti importanti e momenti particolari e difficili come quello che stiamo vivendo ora. La realtà è che siamo quart’ultimi e so bene qual è il mio mestiere. Quello dell’allenatore è un mestiere particolare perché  quando si vince le vittorie sono figlie di tanti, al contrario, quando si perde la sconfitta è figlia solo di uno. Sono sereno, faccio il mio lavoro con grande professionalità e serietà, cercando di venir fuori, insieme ad un gruppo di  ragazzi seri, unito che vuole riscattarsi e venir fuori da questa situazione che ci siamo creati con qualche risultato negativo”. Nella sua carriera il tecnico biancorosso è stato un difensore rognoso, arcigno, abituato a vincere partite difficili con un gran carattere. Se potesse scendere domani in campo, lo farebbe volentieri. Quello che Torrente chiede ai suoi ragazzi è proprio di essere come lui quando scendeva in campo. “Darei ai miei ragazzi il mio carattere ed il mio orgoglio. Spero che domani i ragazzi possano tirare fuori l’orgoglio, il carattere e che diano l’anima in campo. Quella contro il Crotone è una partita che a me piacerebbe giocare. Non potendolo fare cerco di trasmettere a loro quello che ho dentro, quella determinazione e quella voglia per poter venire fuori da questa situazione di classifica. Questa squadra non merita l’attuale posizione in classifica per quello che ha fatto vedere sabato dopo sabato, a parte le ultime due partite”. Il tecnico di Cetara ha anche fatto un appello ai tifosi biancorossi perché domani incitino la loro squadra in una partita difficile. “Per chi ama questa maglia è il momento di stare tutti uniti e di sostenere questi ragazzi che sono giovanissimi. Tutti insieme dobbiamo venire fuori da questa situazione. Poi dipenderà sempre da noi quello che faremo vedere. La gente se vede dar l’anima in campo, se ti vede giocare con uno spirito battagliero e propositivo, ti sostiene. In questo momento abbiamo bisogno del loro aiuto e sostegno”. Torrente ha poi concluso la conferenza stampa parlando dell’avversario di domani, squadra che arriva a Bari dopo tre risultati utili consecutivi. “Il Crotone è una squadra che a me piace per come gioca. Inoltre è una formazione che ha un po’ le nostre caratteristiche. E’ una squadra giovane e aggressiva; in fase offensiva ha giocatori veloci e bravi tecnicamente. Domani non sarà una partita semplice perché il Crotone è abituato a lottare per la salvezza e Drago sta facendo un buon lavoro da quando ha preso la squadra in mano un anno fa”.

 

Di Micol Tortora

torrente allenatore bari
torrente allenatore bari

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.