giovedì , 29 giugno 2017
Home » Bari Calcio » Seconda sconfitta consecutiva per mister Nicola

Seconda sconfitta consecutiva per mister Nicola

Dopo aver perso contro il Bologna i biancorossi hanno perso ancora una volta, ma questa volta in casa, contro la capolista Carpi per 1 – 0 con rete di Mbakogu al 7° della ripresa
La diciasettesima giornata di campionato non ha portato fortuna al Bari visto che ha subito la seconda sconfitta consecutiva, ottava in campionato, questa volta tra le mura amiche contro la capolista Carpi che con attenzione, ritmo e velocità è riuscito a portare a casa tre punti fondamentali per la classifica. La partita è incominciata subito con la squadra di Castori che ha fatto la partita mentre il Bari, attendista, ripartiva in contropiede. Nella ripresa, al 7°. la squadra ospite è arrivata al vantaggio su un errore a centrocampo di Romizi. Lollo gli ruba la palla e serve in attacco Mbakogu che pur marcato da Contini riesce di sinistro con un piccolo pallonetto a mettere la palla alla spalle di Donnarumma. Al 24° il Bari poteva arrivare al pareggio con un colpo di testa di Caputo respinto dal portiere ospite oltre la linea ma non visto sia dall’arbitro che dal guardalinee.A fine gara i biancorossi sono andati negli spogliatoi subissati di fischi da parte del pubblico amico.

LE FORMAZIONI:

BARI ( 3 – 4 – 1 – 2 ): Donnarumma; Sabelli; Romizi; Donati; Galano; Ligi; Contini; Filippini; Caputo; Wolski; Camporese. A disposizione: Guarna; Salviato; De Luca; Stevanovic; Minala; Stoian; Gomelt; Castrovilli; Rozzi. All: Nicola.

CARPI ( 4 – 4 – 1 – 1 ): Gabriel; Gagliolo; Concas; Mbakogu; Di Gaudio; Struna; Porcari; Pasciuti; Lollo; Romagnoli; Suagher. A disposizione: Maurantonio; Letizia; Sabbione; Inglese; gatto; Lasagna; De Silvestro; Embalo; Laner. All: Castori.

ARBITRO: Minelli di Varese.
LA CRONACA:

Al 12° minuto del primo tempo l’arbitro Minelli ammonisce Pasciuti per fallo su Filippini. Al 18° si vede il Bari con un tiro dalla distanza di Romizi respinto da Gabriel. Dopo due minuti tiro di Galano respinto in angolo dal portiere ospite. Al 24° l’arbitro ammonisce Galano per simulazione. Al 33° tiro di Caputo, parato. Al 41° l’arbitro Minelli ammonisce Romizi per fallo su Pasciuti. Dopo un minuto si vede in attacco la capolista con un tiro di Romagnoli lasciato tutto solo e soletto dalla difesa biancorossa. Il suo tiro va alto sopra la traversa.

Nella ripresa al 1° minuto a finire sul taccuino dell’arbitro di Varese è Sabelli per fallo su Gagliolo. Al 7° il Carpi si porta in vantaggio. Unico errore di tutta la partita a centrocampo di Romizi, Lollo gli ruba la palla e la serve in attacco a Mbakogu che pur contrastato da Contini con un pallonetto di sinistro è riuscito a battere in uscita Donnarumma. Dopo due minuti mister Nicola decide di mandare in campo Gomelt al posto di romizi. Dopo un minuto ancora una sostituzione per il Bari. Dentro Stoian, fuori uno spento Wolski. Al 15° Bari vicino al vantaggio con una punizione calciata alla perfezione da Galano alzata in angolo da un ottimo Gabriel. Dopo tre minuti l’arbitro ammonisce Stoian e Struna per reciproche scorrettezze. Al 24° l’arbitro non concede la rete del pareggio realizzata con un colpo di testa di Caputo. La palla aveva superato di molto la linea della porta. Dopo un minuto a finire sul taccuino dell’arbitro è questa volta Donati per proteste. Dopo due minuti mister Castori decide di mandare in campo Letizia per Di Gaudio. Al 30° altro cambio per il Carpi. dentro Lasagna, fuori Pasciuti. Mister Nicola dopo due minuti risponde mandando in campo De Luca per Filippini. Al 33° si rivede in attacco il Bari con un tiro di Sabelli respinto da un difensore di schiena in angolo. Dopo tre minuti Minelli manda anzitempo negli spogliatoi per doppia espulsione, fallo di mano. Al 39° mister Castori manda in campo Sabbione per Romagnoli. L’incontro si conclude al 47° con un colpo di testa telefonato di de Luca su cross di Stoian.
90°:

Nicola: “Ho visto l’immagine del goal negato a Caputo però non mi interessa visto che non commento mai le decisioni arbitrali. Credo che questa sera sia una ulteriore dimostrazione di coerenza da parte mia. Io so che abbiamo fatto la prestazione che dovevamo fare, so che abbiamo ancora dei limiti di sicurezza, manifestiamo timore anche quando non servirebbe. Manifestiamo troppo le ragioni di ciò che effettivamente servirebbe, soprattutto mi riferisco all’inizio della partita, quei sette, otto, dieci minuti iniziali dove sembrava addirittura che fosse arrivato l’Ajax o il Real Madrid. Questo fa parte di una delle problematiche che noi stiamo attraversando e stiamo cercando di risolvere. Io ho visto per la terza partita uno spirito più gagliardo, più combattivo. Abbiamo incontrato tre squadre che stanno nelle prime posizioni, ciò non vuol dire proprio niente, perché effettivamente anche se il Carpi avrà i suoi meriti per avere la posizione che ha e i punti che ha, stasera ho visto delle differenze che sono soprattutto strutturali più che nella valutazione poi del gioco espresso e di quanto altro. C’è sicuramente questa bestia nera che è Mbakogu che non è un gioco di parole. Facciamo ancora degli errori per troppa frenesia però la prestazione i ragazzi l’hanno fatta e su questo può venire chiunque a pensare e a dirmi il contrario. Io li difenderò ad oltranza fin che c’è questo spirito. Io credo che poi dovranno anche cambiare alcune cose perché non sempre puoi pagare tutto nel giro di poco, non di sfortuna. Io non credo alla sfortuna, credo che ci siano ancora dei timori reconditi portati da una mancanza di allineamento tra spettative ed obiettivi. Io l’ho già detto, non vendo fumo. Questa è una squadra che per poter pensare di lottare per andare ai play – off o conqustare un campionato deve fare un lavoro mentale e inizieremo sicuramente. Questa settimana continuerò a lavorare. Fin che si comporteranno così da me avranno tutto ed io sarò davanti a loro contro tutti”.
Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.