domenica , 25 giugno 2017
Home » Bari Calcio » “Sarà importante scendere in campo sereni”

“Sarà importante scendere in campo sereni”

E’ quanto ha detto oggi mister Alberti in vista della gara di domani pomeriggio dove il Bari affronterà la sua “bestia nera” in campionato visto che la squadra laziale ha sconfitto per ben due volte i galletti

Domani per il bari non sarà facile. I biancorossi incontreranno al “San Nicola” una squadra, il Latina, che sia nella gara di andata che in quella di ritorno ha battuto Guarna e compagni. Ecco come oggi in conferenza stampa mister Alberti ha presentato la difficile gara di domani. “Siamo molto felici di essere arrivati a giocarci insieme ad altre tre squadre la possibilità di andare in serie A. Arriviamo alla gara contro il Latina con la consapevolezza di essere una squadra forte. Non temiamo nessuno, come sempre rispettiamo tutti e soprattutto il Latina che in campionato ha dimostrato di aver fatto una grande stagione e personalmente gli faccio i miei complimenti. Noi arriviamo a questa partita con novanta minuti in più sulle gambe perché loro hanno riposato mentre noi abbiamo giocato. Arriviamo a questa gara con la consapevolezza che a Crotone noi abbiamo dimostrato di essere una squadra cresciuta molto. Arriviamo a questa partita in modo molto sereno e tranquilli”.

Il tecnico biancorosso ha spiegato anche il motivo per il quale voleva in tutti i modi affrontare il Latina in semifinale. “A noi piace fare un passo alla volta. E’ inutile guardare troppo lontano. Ci tenevo ad affrontare il Latina perché sapevo che il prossimo avversario sarebbe stato il Latina. Io credo che la partita di Crotone abbia dimostrato che i playoff sono una cosa a parte, quindi non dobbiamo guardare alle due gare che abbiamo disputato in campionato. Bisogna considerare che affrontiamo un avversario che nelle ultime cinque trasferte ha fatto quattro vittorie ed un pareggio. Hanno vinto a Bari, a Cesena, a Crotone a Reggio Calabria e hanno pareggiato contro la Juve Stabia. Il Latina è una squadra che ha dimostrato di essere una formazione molto solida. Domani incontreremo una squadra che anche lei è consapevole della propria forza però noi siamo molto fiduciosi”.

Alberti ha poi spiegato come il suo Bari tenterà di “bucare” la difesa laziale, difesa che fino a questo momento ha subito davvero pochissimi goal. “Domani incontreremo una squadra solida che concede poco agli avversari. Nelle due gare in cui li abbiamo affrontati abbiamo costruito più di una opportunità e abbiamo fatto sempre bene. Lo ripeto, secondo me la finale si gioca in cento ottanta minuti. Domani sarebbe importante una vittoria perché significherebbe andare a Latina con due risultati. Domani dovremo essere molto sereni, gestire le fasi della partita che potranno cambiare da un tempo all’altro. Come sempre la gestione dei momenti sarà fondamentale. In quest’ultimo periodo abbiamo dimostrato di essere molto più maturi e di gestire una gara nel miglior modo possibile. A questa gara noi arriviamo un po’ più stanchi però Crotone ci ha dato anche questa forza, morale, di poterci giocare le partite anche quelle come in questo caso quasi negli scontri diretti con grande consapevolezza e con grande maturità. Domani giocare davanti ad un “San Nicola” gremito fino all’inverosimile di quasi tutti tifosi baresi è un motivo di grande orgoglio per noi. Sarebbe fantastico condividere con loro una vittoria. Noi ci proveremo perché vogliamo ritagliarci un altro pezzetto di questa storia importante. Domani abbiamo una occasione anche se lo ripeto la finale la si conquista in due gare”.

Il tecnico del Bari ha poi parlato dei cinque diffidati che ha il Bari dopo la trasferta di Crotone. “Noi rispetto a loro qualche piccolo svantaggio lo abbiamo ed è quello di aver fatto una gara in più, di avere il fattore campo nella gara di ritorno perché in caso di parità sono quelli che sono i più favoriti. In più abbiamo cinque diffidati e quindi dovremo stare molto attenti a non prendere ammonizioni sciocche. Noi dobbiamo pensare ad una gara alla volta. Abbiamo domani questi primi novanta minuti che dovremo affrontarli nel miglior modo possibile. Domani sarà una partita difficile e dovremo pensare anche alle ammonizioni. Il gruppo ha dimostrato di essere un gruppo forte che chiunque dei giocatori scende in campo fa bene”.

Alberti vorrebbe mettere già in cassaforte il risultato con una vittoria. “Domani sarebbe importante vincere però, lo ripeto, la finale la si conquista in cento ottanta minuti. Domani avremo la fortuna di poter giocare davanti ad uno spettacolo straordinario. Vogliamo onorare questa gara nel miglio modo possibile però domani dobbiamo considerare che sarà il primo tempo di questa gara contro il Latina”.

Contro i laziali il Bari non ha mai segnato in campionato ma la squadra che scenderà in campo contro la terza forza del campionato potrà disporre di un attacco tutto nuovo rispetto alle due gare di campionato. “Noi giochiamo sempre con lo stesso sistema di gioco ma le caratteristiche dei calciatori fanno cambiare anche il modo di interpretarlo. Joao Silva a Crotone ha fatto molto ma molto bene perché oltre ad aver realizzato quel goal ha fatto un assist per Cristian e ha dato una grande mano in fase di non possesso palla. Cambiando i calciatori il modo di interpretare la gara è diverso però lo spirito deve sempre essere quello di fare la partita”.

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.