giovedì , 29 giugno 2017
Home » Bari Calcio » Rinaudo: “Dobbiamo pensare che sia un Bari da salvezza”

Rinaudo: “Dobbiamo pensare che sia un Bari da salvezza”

E’ quanto ha dichiarato quest’oggi in conferenza stampa il difensore biancorosso
Mancano ancora tre giorni alla gara più attesa dai tifosi biancorossi dopo la sconfitta subita a Terni per vedere se il Bari potrà ambire ai playoff o se sarà per la compagine biancorossa un fine stagione “senz’arte, ne parte”, in sostanza anonima. Nel pomeriggio di oggi Guarna e compagni hanno disputato una partitella contro gli Allievi. Per domani è prevista una unica seduta di alenamento nel primo pomeriggio all’antistadio.

Intanto oggi prima della partitella ha parlato in conferenza stampa uno dei due centrali, Rinaudo, il quale ha detto come si riparte dopo la sconfitta di Terni. “Si riparte con lo stesso atteggiamento che c’è stato nelle ultime settimane per cercare la salvezza il primo possibile. Adesso dobbiamo pensare che sia un Bari da salvezza, la classifica dice questo. I punti che abbiamo dimostrano che ad otto giornate dalla fine è questo il nostro primo obiettivo. Solo dopo si possono fare altri pensieri. Di fatto potremmo diventare una mina vagante”.

Il difensore biancorosso è conscio che in quel di Terni la squadra biancorossa abbia fatto come il gambero, un passo indietro. “Quando si sbaglia o si fa bene si deve parlare in termini di squadra. Questo è un campionato equilibrato e molto imprevedibile. Bisogna stare sempre sul pezzo dal primo minuto fino alla fine. Se a Terni avessimo sbloccato il risultato nel primo tempo avremmo parlato di un’altra gara. Ogni partita è importante in questo momento della stagione e non c’è possibilità di distrarsi e, soprattutto, non possiamo fallire le occasioni che vengono create”.

Il difensore del Bari poi ha parlato della prossima gara di sabato in casa contro il Crotone degli ex Dos Santos e Stoian. “Il Crotone? Una gara importante per noi quanto per loro. Loro sono una squadra che dimostra di saper giocare al calcio e abituata a lottare ogni anno per questo tipo di sfide. Dobbiamo essere feroci e cattivi, calcisticamente parlando, per conquistare i tre punti”.

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.