domenica , 25 giugno 2017
Home » Bari Calcio » Quinta vittoria esterna consecutiva

Quinta vittoria esterna consecutiva

Dopo il 2 – 1 conseguito a Carpi grazie ad una rete di Romizi il Bari si ritrova nei playoff

Quinta vittoria esterna consecutiva per il Bari. Anche questa sera sul campo del Carpi il Bari ha dimostrato grande carattere e grande preparazione fisica visto che i ragazzi di mister Alberti dopo due minuti sono andati subito in vantaggio con una rete di Cani servito dalla destra da Joao Silva. Nella ripresa, all’11°, i ragazzi di mister Alberti raddoppiano con Romizi che di sinistro, servito alla perfezione da Varela, ha realizzato con un tiro di sinistro la rete del 2 – 0. Solo verso la fine Mbakogu ha realizzato la rete dell’ 1 – 2. Dopo questa vittoria il Bari con 57 punti entra in zona playoff. Ora sognare non costa nulla…

LA CRONACA:

Al 2° minuto Bari in vantaggio. Sabelli per Joao Silva, cross dalla destra di quest’ultimo, in area arriva Cani che mette dentro. Al 5° brividi per il Bari con Di Gaudio che calcia a rete. Guarna devia in angolo. All’11° biancorossi vicini al raddoppio con un gran tiro di Sciaudone servito perfettamente da Calderoni ma Colombi con una gran parata nega il 2 – 0 al Bari. Al 13° si vede in attacco il Carpi con una conclusione ancora di Di Gaudio che calcia a lato. Al 16° l’arbitro Manganiello ammonisce Porcari per gioco falloso. Al 21° cross di Del Vecchio per Joao Silva che controlla male. Al 23° punizione per il Carpi calciata da Sgrigna, sbuca Gagliolo che con il ginocchio manda la palla alta. Al 27° ammonito Cani per fallo su Porcari.

Nella ripresa all’8° tiro di Sgrigna che manda alto sulla traversa. Al 10° conclusione di Di Gaudio parata dal portiere Guarna. All’11° il Bari raddoppia. Buona palla servita da Varela per Romizi il quale di sinistro batte il portiere Colombi ed è 2 – 0. Al 13° ancora Romizi che servito da Sciaudone tira una grande botta che il portiere di casa non riesce a trattenere. Al 19° mister Alberti procede alla prima sostituzione. Dentro Zanon, fuori Sabelli per infortunio. Al 23° l’arbitro ammonisce Ceppitelli per gioco scorretto. Al 24° il tecnico Pillon manda in campo Mbakogu per Di Gaudio. Al 25° gran tiro di Porcari dalla distanza, tiro che finisce fuori sulla sinistra di Guarna. Al 31° l’arbitro Manganiello espelle Giovanni Loseto dalla panchina. Al 33° Pillon manda in campo Bianco al posto di Concas. Al 35° dentro Lugo, fuori Varela. Al 37° Pillon manda in campo Inglese al posto di Ardemagni. Al 40° Mbakogu segna la rete dell’ 1 – 2. Quinto goal per lui contro il Bari. Al 49° tiro di Bianco e parata di Guarna.

LE FORMAZIONI:

CARPI ( 4 – 4 – 2 ): Colombi; Letizia; Pesoli; Romagnoli; Gagliolo; Porcari; Concas; Inglese; Lollo; Sgrigna; Di Gaudio. A disposizione: Kovacsik; Legati; Sperotto; De Vitis; Pasciuti; Acosty; Bianco; Mbakogu; Ardemagni. All. Pillon.

BARI ( 4 – 3 – 1 – 2 ): Guarna; Sabelli; Ceppitelli; Chiosa; Calderoni; Sciaudone; Romizi; Del Vecchio; Varela; Joao Silva; Cani. A disposizione: Pena; Samnick; Polenta; Zanon; Santeramo; Fossati; Leonetti; Beltrame; Lugo. All. Alberti.

Arbitro: Manganiello.

90°:

Danisi: “Questa di stasera era una partita difficile. La temevamo parecchio. Le assenze sono risultate importanti però i ragazzi sono stati eccezionali. Devo dire che riescono a sopperire a qualsiasi mancanza e per questo meritano davvero un plauso da parte di tutti quanti e, mi raccomando, lunedì prossimo ci vorrà una grandissima affluenza di pubblico allo stadio. I ragazzi se lo meritano nonostante tutto quello che sta succedendo e se lo meritano col cuore”.

Giannelli: “Se il Bari dovesse raggiungere la promozione in serie A non sarebbe un miracolo. Incrociamo le dita. Stiamo parlando di una squadra che senza quattro titolari, dopo l’asta andata deserta e che viene seguita da cinquecento tifosi che riempiono lo stadio e che è sostenuta dall’affetto di tutta la città e di una fantastica tifoseria, è una squadra che veramente merita tutto. Noi oggi abbiamo parlato con i ragazzi e li abbiamo trovati molto tranquilli, molto sereni e molto forti. E’ una fantastica equipe e lo ha dimostrato questa sera in campo. Vediamo cosa succede lunedì , non perdiamo la fiducia, può succedere di tutto, parlo ovviamente dell’asta. Godiamoci questa straordinaria avventura che è bellissima e credo che andrà tutto bene. Quanto riguarda l’asta di lunedì non faccio commenti su quello che è successo, non esprimo valutazioni meglio che mai pronostici. Dico che con il campo può succedere di tutto. Può darsi che le persone che non sono venute lunedì all’asta come i gruppi imprenditoriali, si riaffaccino lunedì prossimo, così come può darsi che si formino delle altre catene. C’è fermento in giro. Per il resto non diciamo altro. I giochi sono tutt’altro che chiusi”.

Angelozzi: “Dopo una partita del genere l’adrenalina è al massimo. Bisogna dire grazie a questi ragazzi perché stanno facendo delle cose strabilianti. Questa sera ci mancavano quattro giocatori importanti e chi li ha sostituiti si è dimostrato degno di indossare questa maglia. Non era mai capitato nella storia del Bari cinque vittorie consecutive così come quattro vittorie consecutive in trasferta. La scorsa volta abbiamo battuto un record e questo di stasera è un altro record. Al di la dei record dico che noi tutti dobbiamo essere orgogliosi di questi ragazzi perché anche oggi hanno dimostrato un attaccamento alla città, alla maglia e a tutta Bari. Per cui vorrei ringraziare questi ragazzi, grazie agli allenatori che stanno facendo un lavoro straordinario. Io, Franco Vinella e Piero Doronzo siamo un trio che dall’inizio abbiamo lottato con tutti i collaboratori. I risultati si ottengono con le persone affianco che ti aiutano a superare i momenti di difficoltà. Poi ricordiamo che c’è stato il fallimento dove i due curatori ci hanno dato la spinta, ma la spinta più importante ce l’ha data il pubblico. Anche questa sera dico grazie a quelli che sono venuti a Carpi e che rappresentavano tutta la città di Bari che hanno tifato ed hanno incoraggiato questi ragazzi perché alla fine non ce la facevano più. Sono stati i tifosi a sostenerli dopo che il Carpi aveva realizzato la rete dell’ 1 – 2. Se stiamo vivendo questo sogno è merito di tutti. Non ci sono giocatori giocatori più bravi degli altri. Un bravo anche ad Alberti e Zavettieri perché zitti zitti hanno lavorato alla grande così come i loro collaboratori come Loseto, Spedigato, Luca Righi. Sapevo le doti che avevano e loro, in silenzio lavorando tutti i giorni, hanno formato una squadra, un gruppo, un gioco. Un bravo principalmente agli allenatori”.

Alberti: “La prima che posso dire è che devo ringraziare i ragazzi che sono dei ragazzi fantastici e straordinari. Il merito di quello che stanno facendo è solo merito loro. C’è una città intera che li sospinge e che ha grande fiducia nei loro confronti e questo li mette nelle condizioni di poter dare il meglio. Queste sono le cose principali. Poi ci è successo che lavoriamo ad agosto, sappiamo che per costruire qualcosa c’è bisogno di tempo. Ho avuto sempre fiducia. Oggi abbiamo una squadra che ha fatto la quinta vittoria fuori casa ed in questo campionato credo che sia importante. Noi ce la giochiamo con grande autorevolezza contro avversari forti perché abbiamo incontrato il Carpi che è una squadra ben organizzata, con delle individualità importanti. Credo che aver fatto risultato pieno anche oggi è motivo di grande soddisfazione. Per quanto riguarda Sabelli si è avvicinato alla panchina per chiedere la sostituzione. Ha chiesto il cambio ma non credo sia nulla di grave. Anche oggi abbiamo dimostrato che nonostante avessimo delle assenze importanti chi è sceso in campo dall’inizio, a partita in corso, abbia dato un grande contributo. La nostra forza è questa. Oggi tutti i ragazzi avevano voglia di poter contribuire per poter pensare a qualcosa di più importante. Noi sappiamo che i sogni costano tanta fatica, dobbiamo rimanere umili, concentrati e pensare sempre e solo al prossimo avversario. Da domani incominceremo a pensare al Cittadella. Insieme ai nostri tifosi dobbiamo a migliorare e a crederci sempre con massima umiltà perché il calcio spesse volte ti mette in situazioni inaspettate. Se noi continuiamo con questa umiltà e con questa concentrazione lavorando come stiamo facendo, cercando di sbagliare il meno possibile”.

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.