domenica , 25 giugno 2017
Home » Bari Calcio » Prima sconfitta per il Bari del 2015

Prima sconfitta per il Bari del 2015

I biancorossi escono dal “Picchi” con un pesante 5 – 2
Prima pesante sconfitta del 2015 per la formazione biancorossa. I ragazzi dell’ex tecnico del Livorno tornano a casa con sul groppone cinque reti. La gara poteva risultare già chiusa solo dopo appena nove minuti quando la formazione biancorossa si è trovata già sotto di due reti arrivate entrambe, la prima al 5′ e l’altra al 9′, su due calci d’angolo. La partita non e’ stata giocata male dalla squadra ospite ma ad avere le palle – goal più importanti e’ stata la squadra di casa con un buon Siligardi e con Maicon. Nella ripresa quando la squadra di Gelain si era portata sul 3 – 0, nel giro di due minuti il Bari dal 3 – 0 si è portato sul 3 – 2 con una doppietta di Caputo mandato pochi minuti prima in campo al l’osto di De Luca. Dopo le due reti il Bari ha continuato ad attaccare senza riuscire a raggiungere purtroppo il pareggio. Ma a chiudere definitivamente il risultato è le speranze dei biancorossi sono state le reti di Siligardi e di Vantaggiato. Il Bari, dunque, torna dal “Picchi” con un bel zero nella casella punti. Dopo questa vittoria la formazione si ritrova al quindicesimo posto in classifica a 30 punti, a soli due punti dalla zona play out e a cinque dalla zona playoff.
LE FORMAZIONI:

LIVORNO ( 3 – 5 – 2 ): Mazzoni; Ceccherini; Bernardini; Lambrughi; Maicon; Luci; Pires; Djokovic; Gemiti; Vantaggiato; Siligardi. A disposizione: Bastiano i; Strasser; Empereur; Belingheri; Jelenic; Moscati; Jefferson; Biagianti; Galabinov. All: Gelain.

BARI ( 3 – 4 – 1 – 2 ): Donnarumma; Salviato; Camporese; Filippini; Schiattarella; Donati; Minala; Defendi; Bellomo; Ebagua; De Luca. A disposizione: Guarna; Rada; Rinaudo; Boateng; Benedetti; Romizi; Galano; Calderoni; Caputo. All: Nicola.

ARBITRO: Ghersini di Genova.
LA CRONACA:

Al 5′ del primo tempo il Livorno si porta in vantaggio con un tiro di destro di Luci da dentro l’area di rigore del Bari dopo un calcio d’angolo battuto dalla formazione di casa. Al 9′ la squadra di casa raddoppia con Vantaggiato ancora dopo un calcio d’angolo. Al 15′ l’arbitro ammonisce Bernardini per fallo su Ebagua. Al 17′ tiro da fuori area di destro di Bellomo con palla di poco alta sulla sinistra di Mazzoni. Al 20′ il Livorno manda in campo Biagianti per l’infortunato Djokovic. Al 23′ l’arbitro Ghersini ammonisce Schiattarella per simulazione. Al 28′ ammonito Ebagua per aver fermato con la mano il pallone. Al 29′ papera di Donnarumma che manda la sfera calciata da Luci sul palo. Al 39′ ancora una papera di Donnarumma su tiro di Vantaggiato. Al 40′ l’arbitro espelle il team – manager del Bari, Marangon.

Nella ripresa al 3′ cross a mezza altezza di Bellomo. Il portiere di casa devia la palla in angolo. Al 4′ mister Nicola manda in campo Caputo per De Luca. Al 5′ azione personale di Vantaggiato. Il suo tiro di destro va di poco fuori sulla destra di Donnarumma. Al 16′ altra sostituzione per il Bari. Dentro Benedetti, fuori Salviato. Al 19′ l’arbitro ammonisce Filippini per fallo su Siligardi. Al 20′ Livorno vicino alla rete del 3 – 0 con una bella punizione calciata da Siligardi. Al 21′ la squadra di casa si porta sul 3 – 0 con un colpo di testa di Maicon che va ad insaccarsi sulla destra di Donnarumma. Al 26′ l’arbitro ammonisce Donati per proteste. Al 28′ ancora un giallo per il Bari. A finire sul taccuino dell’arbitro e’ Defendi per fallo su Siligardi. Al 30′ ammonito Biagianti per fallo su Ebagua.
Al 31′ Nicola manda in campo Boateng al posto di Defendi. Al 32′ conclusione di Siligardi che va fuori di poco. Al 33′ doppia parata di Donnarumma prima su Siligardi e poi su Maicon. Al 34′ Caputo porta il Bari sul 3 – 1. Al 35′ sempre Caputo con un gran tiro di destro da fuori area porta il Bari sul 3 – 2. Al 37′ doppia sostituzione per il Livorno. Fuori Gemiti dentro Empereur, fuori Luci dentro Jelenic. Al 40′ ammonito Benedetti per fallo su Vantaggiato. Al 41′ il Livorno si porta sul 4 – 2 con un gran tiro di sinistro di Siligardi. Dopo quattro minuti Vantaggiato chiude definitivamente la gara mettendo alle spalle di Donnarumma la palla del 5 – 2. Al 47′ ammonito Camporese per gioco falloso.

90°:

Nicola: “Dico che è stato troppo facile per loro trovarsi sul doppio vantaggio. Una squadra come il Livorno ha la strada spianata per cercare poi di impostare la partita come meglio crede. Loro non hanno fatto un grande volume di gioco però hanno della qualità tale per cui qualsiasi situazione creata anche da un tipo di giocatore ci ha messo in difficoltà. A me dispiace perché, secondo me, poi abbiamo avuto come volume di gioco e spessore di gioco ci è mancato qualcosa nel senso dell’attenzione e della determinazione così come l’avevamo avuto contro il Frosinone, oggi non l’abbiamo avuto. La reazione che abbiamo avuto dopo il 3 – 0 dove si pensava che magari la gara fosse finita, noi ci abbiamo creduto. Noi stavamo rischiando più del dovuto per riprendere la partita. Abbiamo fatto due goal, Francesco è entrato benissimo, è entrato in maniera determinante ed io pensavo che loro fossero calati un pò fisicamente. Invece il 4 – 2 ha dimostrato che il percorso di maturazione e di crescita è ancora abbastanza lungo. Si può perdere 3 – 2 la partita, ci sta anche perdere 3 – 2 contro il Livorno. Ci sta per certi versi perché io non avrei mai voluto perdere, non voglio mai perdere. Non ci dobbiamo mai disunire perché per essere forti non bisogna mai disunirci. Per quanto riguarda Ebagua oggi non è riuscito ad essere così devastante come contro il Frosinone. Secondo me per caratteristiche come attaccante Giulio possa darci la possibilità, quando gli altri sono chiusi, di appoggiarci su di lui. Per me Giulio è un giocatore importante. De Luca non ha fatto male. Io non l’ho cambiato con Giuseppe perché stava facendo male. Volevo semplicemente sfruttare due punte un pochino più frigide che si intendessero fede di gioco di coppia perché avevo uno come Bellomo dietro. Io non dico delle cose perché voglio volare basso perché se uno, poi, fa qualcosa di più sembra che ci sia tuto il merito dell’allenatore. Io sono abituato ad analizzare con obiettività la situazione. Questa è una squadra che non è stata costruita per vincere il campionato. In questo momento dal punto di vista tecnico e morale mi fido, tant’è vero che dopo la partita di oggi non siamo contenti perché ci tenevamo a vincere. Rientriamo a Bari e domani ci alleniamo. Questo, secondo me, è un segnale importante, segnale che è venuto anche dai tifosi. Ebagua e Caputo oggi sono stati due attaccanti centrali, dove avevano come sostegno Bellomo. In più è entrato Boateng”.

Defendi: “Giornata sicuramente no. Se dobbiamo trovare qualcosa di positivo è la voglia di non mollare e la reazione che abbiamo avuto quando eravamo sotto di tre goal. Alla fine nel tentativo di pareggiare, ci siamo sbilanciati lasciando loro spazio. Resta il fatto che nel primo tempo dovevamo essere più aggressivi e concentrati sulle palle inattive. Ora dobbiamo stare attenti a non commettere altri passi falsi che potrebbero impensierire. Comunque siamo fiduciosi e guardiamo avanti”.
Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.