venerdì , 24 novembre 2017
Home » Componenti » Pastiglie dei freni, perché e quando sostituirle
sostituire pastiglie dei freni

Pastiglie dei freni, perché e quando sostituirle

Se dovessimo classificare gli elementi indispensabili per la sicurezza attiva di un veicolo di certo le pastiglie dei freni non mancherebbero, sfiorando peraltro la prima posizione nella graduatoria. Perché? Basti pensare alle innumerevoli volte che pigiamo il pedale del freno, dove andremo senza pastiglie? Queste ci permettono infatti di garantire sicuri livelli di frenata. Sicuramente il continuo utilizzo le rende preda dell’usura, essendo peraltro materiali di consumo, cosa che prevede chiaramente una certa attenzione nei riguardi della periodica sostituzione.

Ma quando pensare alla sostituzione?

Si diceva che le pastiglie dei freni sono materiali di consumo, questo perché sostanzialmente sono costituite da un elemento metallico sul quale viene applicato uno strato di materiale capace di generare attrito, materiale che può chiaramente essere di natura differente. L’attrito generato in frenata inevitabilmente porta al normale consumo. Ci accorgiamo di questo quando la spia sul cruscotto ne segnala un eccessivo consumo.

Ma se la spia non dovesse essere presente? Alcune sensazioni in frenata aiutano a monitorare lo stato di usura delle pastiglie e quindi a capire meglio quando è il momento di cambiarle. Il primo e più evidente segno di usura è rappresentato dal fastidioso fischio che indica appunto la non presenza del materiale di attrito; la parte metallica stride contro il disco del freno. Altro fattore di allarme deve essere una frenata troppo lunga, questo perché i pistoncini delle pinze freno impiegano maggior tempo per spingere quel che resta della pastiglia contro il disco. Da non sottovalutare nemmeno una corsa eccessiva del pedale del freno; è cattivo segno se il pedale del freno ha bisogno di arrivare fino a fondo corsa per frenare.

Perché bisogna sostituire le pastiglie dei freni?

Semplice dire che pastiglie usurate danneggerebbero l’impianto frenante aumentando anche la spesa complessiva. È da considerare per esempio con probabilità maggiore il danneggiamento dei dischi dei freni che possono essere soltanto sostituiti. Tra i problemi derivanti dalla non sostituzione delle pastiglie dei freni sono riscontrabili fenomeni di deformazione dei dischi o la loro rigatura. Peggio ancora situazioni di cristallizzazione, per esempio in zone particolarmente rigide, che non permettono la corretta frenata.

Quali pastiglie o pasticche dei freni scegliere

Tecnicamente la scelta della pastiglia dei freni ricade su quelle consigliate dalla casa costruttrice del veicolo, meglio ancora se originale o comunque un prodotto aftermarket di buona fattura farà il suo lavoro a dovere. Tuttavia spesso la destinazione di utilizzo del veicolo potrebbe richiedere una spesa maggiore o minore. Immaginabile è ad esempio la situazione di un veicolo prevalentemente utilizzato in città contro un veicolo che viaggia a velocità particolarmente elevate. Il consiglio è chiaramente quello di non cercare il risparmio su un componente che garantisce la sicurezza generale del veicolo ancor prima di altri sistemi in dotazione o meno. Parliamo sempre di un costo veramente ridotto, spesso inferiore al centinaio di euro.

Va ricordato che le pastiglie vanno sostituite sempre insieme sullo stesso asse al fine di evitare spiacevoli situazioni di equilibratura dell’impianto frenante. Attenzione a non improvvisarvi meccanici; la corretta installazione delle pastiglie dei freni prevede spesso un’efficace operazione di spurgo dell’intero impianto, operazione che solo un meccanico può fare.

Tutto su Ivan Lapicirella