domenica , 23 aprile 2017
Home » Bari Calcio » “Ora serve continuità”
Angelozzi e Lugo

“Ora serve continuità”

E’ quanto ha dichiarato questa mattina il direttore sportivo del Bari, Guido Angelozzi, alla presentazione alla stampa del giocatore Lugo

 

“Lugo è un ragazzo sul quale il Bari ha puntato molto”. Queste le prime parole del ds biancorosso sul nuovo acquisto del Bari. Il giocatore è un’ 92 e Angelozzi spera che possa dare delle soddisfazioni e che faccia vedere tutto il suo valore. Lugo anche se ora è un po’ indietro come preparazione. “Dobbiamo dare al giocatore – ha proseguito il ds – un po’ di tempo perché alcuni di loro sono arrivati in corsa. Alcuni di loro non hanno fatto neanche la preparazione come ad esempio proprio Lugo, Alonso, Joao Silva, Beltrame. Questi giocatori hanno bisogno di più tempo per far vedere le proprie qualità”.

 

Angelozzi ha voluto anche avvisare la stampa di una cosa extra calcistica. “Questo pomeriggio alle 16.30 tre nostri giocatori, Ceppitelli, De Falco e Fedato, andranno ad incontrare alcuni lavoratori dello OM”.

 

Il ds biancorosso ha dato anche una notizia che farà sicuramente piacere a molti tifosi del Bari. “Alcuni dicono che noi siamo una società scarsa, qualche volta anche noi guardiamo al futuro. La società, da un mese a questa parte, ha rinnovato i contratti di Sabelli che andava in scadenza nel 2015 e lo abbiamo portato al 2016; quello di Fedato, anche lui prolungato fino al 2016; idem quelli di Sciaudone e di Galano che quest’anno andava in scadenza e gli abbiamo allungato il contratto fino al 2016. Questi contratti sono stati chiusi già da una ventina di giorni. Questo vuol dire che la società guarda sempre avanti e vuole migliorarsi con tutte le nostre problematiche”.

 

In tempi non sospetti Angelozzi aveva affermato che questa squadra avrebbe avuto ampi margini di miglioramenti ed oggi ha parlato anche di questo. “In tempi non sospetti avevamo detto che la squadra stava crescendo. Ancora oggi sta crescendo ed ha ampi margini di miglioramento. Ieri lo hanno dimostrato. Si può ancora migliorare. Quello che abbiamo fatto ieri lo dobbiamo accantonare. Da oggi arriva il difficile perché tutti si aspettano, dopo tre vittorie, un Bari diverso da come era partito, in sordina. Il Bari deve lavorare e deve cercare di migliorarsi e far crescere i ragazzi arrivati in ritardo non per colpa loro, ma per colpa mia. Abbiamo ancora grandi margini di miglioramento”.

 

Il ds ha elogiato il pubblico che ha sostenuto in diecimila la squadra. Inoltre il Bari vorrebbe aprire la campagna abbonamenti, ma questo non dipende dalla società. “Non dipende dalla società aprire la campagna abbonamenti. Bisogna andare al Comune, dal sindaco, a chiedere se il Bari può aprire la campagna abbonamenti. Qui alcune volte ci si scorda delle problematiche che ci sono. Noi non ci dobbiamo esaltare tanto per una vittoria ne deprimerci quando la squadra non farà risultato. Devo ringraziare tanto il pubblico che ieri sera è stato encomiabile. Sia io che i ragazzi ci siamo commossi perché giocare con il pubblico è veramente una bella cosa. Per la campagna abbonamenti, ad oggi, non è possibile aprirla perché ancora non sappiamo dove giocheremo”.

 

In attesa di una risposta da parte del Comune sulla questione stadio Angelozzi crede che la società potrebbe continuare su questi prezzi popolari. “Sarà l’Amministratore unico a decidere perché è lui il responsabile di questo. Sulla questione dei prezzi siamo stati anche criticati, non li abbiamo abbassati quando i risultati non arrivavano. Noi abbiamo cambiato i prezzi quando abbiamo incominciato a fare risultati. Lo abbiamo fatto per dimostrare che siamo attenti al tifoso. C’è stata una grande risposta da parte del pubblico. Li ringraziamo tanto. Ieri la Curva nord è stata strepitosa nei confronti della squadra, l’hanno incitata fino alla fine. Questo è il clima che bisogna avere nei confronti dei ragazzi al di la della proprietà o l’antipatia per Angelozzi. Quello che conta è la squadra”.

 

Secondo Angelozzi quello di ieri sera è stato il primo vero premio per il lavoro di questa squadra. “Questo è un obiettivo per noi come società sia per lo staff ed i ragazzi. Questa è già una grossa soddisfazione soprattutto per i ragazzi perché dopo aver lavorato duramente tutta una settimana, quando arriva il giorno della partita e la si affronta col pubblico è tutta un’altra cosa. Giocare senza pubblico non è bello”.

 

Il direttore sportivo è molto orgoglioso dello staff che ha creato a Bari. “Sono orgoglioso di tutto lo staff. Quando abbiamo fatto questa scelta l’abbiamo fatta perché conoscevamo gli uomini. Quella fatta non è stata una scelta fatta, come qualcuno ha detto, per risparmiare. Sapevamo cosa potevano dare. Secondo me questo staff è adeguato e adatto a far crescere questi ragazzi”.

 

E su Sciaudone che ieri è stato il migliore in campo Angelozzi ha detto. “Sciaudone è un giocatore che sta crescendo partita dopo partita Se vuole fare il salto di qualità deve lavorare, avere continuità e dimostrare in campo tutto il suo valore”.

 

Poi il ds ha parlato anche di quali sono gli obiettivi del Bari. “Il nostro primo obiettivo è la salvezza, il secondo è quello di far crescere questi ragazzi ed il terzo è quello di portare più persone allo stadio”.

 

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.