lunedì , 26 giugno 2017
Home » Bari Calcio » Nicola: “A Perugia per ottenere il massimo”

Nicola: “A Perugia per ottenere il massimo”

Il tecnico biancorosso vuole uscire con un risultato positivo in terra umbra
Dopo il pareggio conseguito sabato scorso in casa contro la Virtus Entella nella prima giornata del girone di ritorno, la squadra biancorossa domani sarà impegnata sul campo importante come quello di Perugia. La formazione di mister Nicola affronterà il Perugia sicuramente per avere il massimo. E, questo, lo ha fatto capire il tecnico biancorosso alla vigilia di questa difficile trasferta. “A Perugia per ottenere il massimo. Ormai la mentalità deve essere quella di andare su ogni campo per ottenere la vittoria.Abbiamo un modo di stare in campo che ci permette di essere accorti e nello stesso tempo offensivi. Possiamo cambiare in corsa il nostro assetto avendo le qualità per farlo. Farò le mie scelte all’ultimo tenendo conto anche dei nuovi arrivi e delle generali condizioni fisiche”.

Nicola ha poi parlato dei nuovi arrivati. “Rinaudo è un po’più indietro rispetto a Rada e andrà integrato pian piano. Il centrocampo condizionerà anche la linea offensiva. Se giocheremo con due ali o mezze punte come De Luca e Galano, chiaramente, uno fra Caputo e Ebagua avrà meno spazio. Ricordiamo che ci sono giocatori duttili come Defendi che possono svolgere diversi ruoli in modo ugualmente efficace”.

Il tecnico biancorosso in questo momento di mercato di riparazione non crede che tra i suoi ragazzi ci possa essere un calo di tensione. “Abbiamo un gruppo ben allineato e capace di non farsi distrarre da questi momenti della stagione, inoltre, ritengo che questi movimenti non interessino molto i giocatori in uscita quanto qualcuno in entrata. Quanti? Con la società si sono individuati degli obiettivi che ci permettessero di essere più competitivi. Si sta lavorando per portarli a Bari ma bisogna tener conto che sono giocatori che interessano anche altre squadre”.

E sul difensore Polenta che il tecnico tanto aspetta ha detto. “E’ un giocatore che apprezzo e che ho chiamato personalmente, ma il trasferimento non dipende solo da noi e dalla sua volontà. E’ un discorso legato anche al prestito che lo lega al Nacional”.
Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.