mercoledì , 20 settembre 2017
Home » Prove » Suzuki GSR 750 prova su strada
suzuki gsr 750 prova su strada recensione

Suzuki GSR 750 prova su strada

Il mio amico Giulio non ha acquistato la Suzuki GSR 750 usata ma ha ritirato la sua nuova Suzuki GSR 750 ad un prezzo fantastico, approfittando della promozione Suzuki tramite la quale è possibile portarla a casa per 6.750 euro. Leggendo la scheda tecnica si capisce subito che la Suzuki GSR 750 ha consumi molto bassi e nonostante sia nuova Giulio ha già percorso più di 6000km dandomi le sue opinioni su questa moto prima di prestarmela per un test.
E’ una calda mattinata di una calda domenica di Aprile e ne approfitto per farci un giro mentre lui sorseggia il suo caffè americano al bar situato appena sotto Castel del Monte. Mi rendo conto che questa moto ha un’impostazione di guida simile a quella delle maxi naked giapponesi. Il cupolino però è quasi inesistente ma diventa efficace superati i 90 km/h. Il look è essenziale ma non dimesso. Il motore è alimentato ad iniezione e promette concretezza a qualsiasi regime con la sua erogazione robustissima ma dolce e gestibile fin dal minimo. La Suzuki GSR750 si rivela una perfetta moto sia da sparata che da passeggio, centrando in pieno le direttive progettuali che hanno animato gli ingegneri.
La posizione di guida trova delle comode pedane, basse e avanzate. Il manubrio, non risulta lontano ed è largo abbastanza per ottenere di un buon braccio di leva.
Una volta acceso, il 4 cilindri Suzuki borbotta regolare, educatissimo e sornione. Ma quando si accelera, con un po’ di strada libera, comincia a trasparire qualche indicazione sul carattere aggressivo della moto.
Nella marcia cittadina la maneggevolezza è ottima e si riesce a godere di una buona capacità di slalom tra gli ostacoli urbani, prevedibili o improvvisi.
Sui tratti extraurbani questa moto si fa conoscere come amichevole compagna di spostamenti, con un’esemplare fluidità di erogazione che aiuta sia nel traffico sia nel Touring. Scende in piega molto rapidamente essendo estremamente maneggevole e quasi si rischia di strisciare le pedane.
La Suzuki GSR 750 è stabile e direzionale sul dritto. Alcuni utenti più sportivi sostituiscono le molle della forcella con delle molle progressive Ohlins per Suzuki Gsx R 750.
Nei curvoni la Suzuki GSR 750 non si abbandona mai a preoccupanti oscillazioni, tranne quando il fondo è in pessime condizioni. Questa moto va condotta con rotondità, scegliendo traiettorie dolci e movimenti raccordati e fluidi nei cambi di direzione in modo da godersi il comfort e la forza del propulsore ai medi regimi.

Il mio amico Giulio non ha acquistato la Suzuki GSR 750 usata ma ha ritirato la sua nuova Suzuki GSR 750 ad un prezzo fantastico, approfittando della promozione Suzuki tramite la quale è possibile portarla a casa per 6.750 euro. Leggendo la scheda tecnica si capisce subito che la Suzuki GSR 750 ha consumi molto bassi e nonostante sia nuova Giulio ha già percorso più di 6000km dandomi le sue opinioni su questa moto prima di prestarmela per un test. E' una calda mattinata di una calda domenica di Aprile e ne approfitto per farci un giro mentre lui sorseggia…

Opinioni

Si fa guidare bene nel misto e preferisce i curvoni veloci alle lunghe soste dei semafori di città

User Rating: 4.88 ( 6 votes)

Tutto su Alex Grimaldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.