mercoledì , 20 settembre 2017
Home » Prove » Kawasaki Z750 R: prova su strada e valutazione
kawasaki z750 r

Kawasaki Z750 R: prova su strada e valutazione

Questa recensione della Kawasaki Z750 R non vuole essere una scheda tecnica, ma descrive quello che questa moto ci ha trasmesso durante la prova.
Dopo tanta attesa e tanti rinvii per motivi tecnico-organizzativi abbiamo provato la nuova Kawasaki Z750 R. Una moto che si rivolge ad una clientela smaliziata e con un buon manico, essendo la versione più sportiva di una moto già abbastanza spinta: per l’appunto la Kawasaki Z750 . Appena saliamo a bordo, la bestiola ruggisce leggermente, facendo pensare ad un animale ben addestrato, la strumentazione è al posto giusto e l’impostazione di guida da naked seria. Dopo un primo giro fatto con malcelata tranquillità cominciamo a metterla alla frusta e capiamo bene che i 106 cavalli a 10.500 giri possono anche essere lanciati a 12.500 giri, zona oltre la quale il limitatore comincia a dire la sua. La moto fa subito capire che con i suoi 224kg (versione provata senza ABS) resterà attaccata alla strada anche quando la curva sembra impossibile, accorrono in aiuto del telaio fatto per il misto e già collaudato: forcella a steli rovesciati con ritorno idraulico regolabile, sospensione posteriore con serbatoio separato e freni anteriori a 4 pistoncini con tubi in treccia di acciaio. Il forcellone posteriore in alluminio pressato è un elemento di pregio, leggero e resistente al contempo, riesce a mantenere un buon assetto nei cambi di direzione. Capiamo che la Kawasaki Z750 R non è solo una moto per chi non vuole perdere tempo a “tunizzare” la propria elegante Z750 (che rimane sempre e comunque una delle migliori naked sul mercato) ma una evoluzione sportiva, fatta per chi vuole andare forte (in pista!) senza subire le umiliazioni di un cambio stanco nel misto o di un impianto frenante che non da più segni di vita dopo una decina di giri fatti per trovare il limite…del pilota ovviamente.

kawasaki z750 r
kawasaki z750 r
Questa recensione della Kawasaki Z750 R non vuole essere una scheda tecnica, ma descrive quello che questa moto ci ha trasmesso durante la prova. Dopo tanta attesa e tanti rinvii per motivi tecnico-organizzativi abbiamo provato la nuova Kawasaki Z750 R. Una moto che si rivolge ad una clientela smaliziata e con un buon manico, essendo la versione più sportiva di una moto già abbastanza spinta: per l’appunto la Kawasaki Z750 . Appena saliamo a bordo, la bestiola ruggisce leggermente, facendo pensare ad un animale ben addestrato, la strumentazione è al posto giusto e l’impostazione di guida da naked seria. Dopo…

Opinioni

Moto da manico vuole essere usata dove si può andare forte e veloce. Fatta per la strada preferisce la pista

User Rating: 4.78 ( 2 votes)

Tutto su Alex Grimaldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.