giovedì , 29 giugno 2017
Home » Bari Calcio » Mangia: “Serve pazienza ed equilibrio in tutto”

Mangia: “Serve pazienza ed equilibrio in tutto”

 

E’ quanto ha dichiarato questo pomeriggio in conferenza stampa il tecnico lombardo in vista della gara di Coppa Italia di domani sera al “San Nicola” contro l’Avellino dell’ex Chiosa

 

 

Domani sera il “San Nicola” accenderà nuovamente le sue luci per ospitare il terzo turno di Coppa Italia tra Bari ed Avellino. Quella di domani sera sarà per i biancorossi una partita più impegnativa in confronto a quella di domenica scorsa contro il Savona. Ancora una volta in attacco mancherà sempre per una precedente squalifica capitan Caputo mentre tornerà nuovamente a disposizione Defendi dopo aver scontato anche lui una precedente squalifica. Oggi il tecnico biancorosso si è detto fiducioso che i suoi ragazzi domani sera contro l’Avellino giocheranno molto meglio rispetto alla gara contro i liguri. “Io mi aspetto sempre di migliorare, di migliorare rispetto a tutto quello che è stato fatto fino adesso a prescindere dalle analisi particolari. Parlo di crescita generale di squadra e mi aspetto questo. Questa sarà una cosa che mi aspetterò sempre ogni giorno, non è una cosa che mi aspetto in particolar modo per la gara di domani”.

 

Mister Mangia non ha voluto svelare chi difenderà la porta contro l’Avellino. “Vedrete domani sera. Il discorso è molto semplice. Il campionato inizia la settimana prossima, io ho bisogno di fare le mie valutazioni. Di certo, di sicuro e di perenne non c’è niente. Per ovvi motivi, su una situazione l’idea è abbastanza chiara, perché Guarna ha avuto anche la possibilità di mettersi in evidenza nella prima parte del ritiro, ma soprattutto l’anno scorso. Per quanto riguarda invece Donnarumma voglio farmi invece una idea ben chiara prima di fare una scelta in funzione del campionato. Io voglio raccogliere più elementi possibili per poi fare la scelta che riterrò più opportuna in campionato, a prescindere dalla scelta di domani. Per me il portiere è un giocatore della squadra, non è una cosa diversa dagli altri giocatori. La regola che vale per gli altri vale anche per il portiere. Ogni settimana si può dare dimostrazione ed indicazione all’allenatore in funzione della settimana successiva. Voglio farmi una idea ben chiara prima di partire. Qualsiasi scelta sarà cambierà poco perché abbiamo tre portieri affidabili e sono tre portieri che possono giocare tranquillamente in questa squadra. Io devo fare le valutazioni e le mie analisi non è che sono fatte a prescindere dalla gara perché quella di domani sarà una gara che io ritengo importante. Dovremo andare in campo per onorare ma soprattutto per provare a vincere. Io non dirò mai ad un mio giocatore “tu non vieni preso in considerazione” perché se un giocatore che è venuto a Bari non viene preso in considerazione non deve stare qua. Per centrare un obiettivo importante dobbiamo avere 25 – 26 giocatori validi. Non dovrà mai succedere che io arrivi e possa avere dei dubbi. Dobbiamo sempre di ottenere il massimo e quando si cerca di ottenere il massimo bisogna avere tutte le soluzioni a disposizione per poter raggiungere un obiettivo”.

 

Il tecnico lombardo ha parlato anche della bella progressione di Sciaudone contro il Savona che ha poi dato il la a Galano di segnare. “Ci stava. Se lui ha letto le situazioni che l’hanno portato a fare un inserimento e ha fatto una scelta a me sta bene. Se ha letto che c’era la possibilità di inserirsi va benissimo così. Vuol dire che aveva la condizione fisica per poterlo fare. L’importante è che, e lui lo ha fatto, quando si ha la gamba per andare in avanti la deve avere uguale anche per andare indietro”.

 

Mangia non ha nascosto il fatto che in difesa domani sera ci potrebbero essere delle novità rispetto alla gara contro il Savona. “Sicuramente il terzino destro. Può essere che domani ci possa essere qualche novità. Se la squadra sa già la formazione io non ho problemi a darla. Oggi non ho ancora fatto la rifinitura, la squadra non la sa e quindi non posso dare indicazioni perché, ripeto, manca ancora la rifinitura di questo pomeriggio. Può darsi che io provi qualcos’altro perché abbiamo avuto la composizione temporale della rosa dei difensori che è stata un po’ scaglionata nel tempo nel senso che un difensore è arrivato quasi subito, uno è arrivato un po’ dopo e due sono arrivati un bel po’ dopo e un altro molto dopo. E’ normale che hanno dovuto anche avere il tempo di lavorare un po’ con noi. E’ opportuno valutarli o valutarne uno dall’inizio della partita”.

 

Sul presunto nuovo acquisto del Bari, Minala, il tecnico biancorosso non ha voluto proferir verbo perché… “Non mi risulta che ci sia stata l’ufficializzazione di questo giocatore per cui io aspetto a parlarne. A me non mi è stato detto che il giocatore è del Bari. Quando sarà del Bari ne parlerò. Non mi sembra corretto parlarne ora, nel senso non parlo di un giocatore che non è mio”.

 

Contro l’Avellino Mangia vorrebbe dai suoi ragazzi che non concedessero spazi ed opportunità così come è accaduto col Savona. “Al calcio si gioca in due. Spero tanto di arrivare al punto in cui non concederemo neanche un tiro in porta all’avversario. L’errore più grosso che abbiamo fatto contro il Savona è stato quello di non concretizzare quattro – cinque occasioni da goal che abbiamo avuto nella prima mezz’ora di gioco. Se la percentuale di occasioni tra create e concesse sarà sempre simile… Dobbiamo migliorare un po’ la nostra percentuale realizzativa. Non è una percentuale così pessima a livello di numero di occasioni. E’ normale che io e la squadra lavoreremo e stiamo lavorando per cercare di limitare al minimo gli errori e le occasioni per gli avversari. Ci sono due virtù che ci devono contraddistinguere che sono quelle della pazienza e dell’equilibrio in tutto, nelle analisi e nel lavoro settimanale perché tutto e subito non verrà mai. Ci vorrà un attimo di tempo per trovare tutti gli equilibri”.

 

Tra gli undici titolari che domani sera scenderanno in campo contro l’Avellino ci sarà anche Marino Defendi dopo aver scontato un turno di squalifica. “Domani Defendi scenderà in campo, non so in quale posizione giocherà, ma giocherà”.

 

Di Micol Tortora

 

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.