lunedì , 26 giugno 2017
Home » Bari Calcio » Il Punto sul Bari del 5 settembre
micol bari calcio

Il Punto sul Bari del 5 settembre

Una squadra senz’anima

Ma cosa sta succedendo alla squadra biancorossa? La formazione di Devis Mangia sembra non essere più in grado di vincere. Dalle due precedenti trasferte contro Vicenza e Lanciano il Bari è tornato a casa solo con un punto e con prestazioni che hanno lasciato un po’ interdetti visto che in entrambe le gare i biancorossi non sono mai riusciti ad imporre il loro gioco. Contro il Modena, signora squadra arrivata in emergenza in Puglia, Donnarumma e compagni avrebbero potuto fare molto di più e questo purtroppo non è accaduto tant’è che a fine gara la squadra è stata accompagnata verso gli spogliatoi da una bordata di fischi mai sentiti fino ad ora al “San Nicola” con la nuova società. Questo cosa vuol dire? Vuol dire forse che i tifosi del Bari dopo sette gare di campionato con una squadra che non esprime al meglio il proprio gioco non sopportano più vedere i loro beniamini giocare in un certo modo. Come accade in ogni parte d’Italia tutti i tifosi vorrebbero vedere la propria squadra prima o magari giocare bene e questo per il momento a Bari non succede ancora. Molti tifosi chiedono a gran voce il cambio di panchina mentre la società continua a dare fiducia al tecnico lombardo. Alla fine chi la vincerà?

COSA VA – Contro il Modena è difficile dire cosa è veramente andato. Forse possiamo dire solo l’occasione che ha portato in vantaggio i biancorossi.

COSA NON VA – In questo Bari manca l’anima, la voglia, la determinazione, la convinzione e la voglia di imporsi in questo torneo. Questa squadra è stata costruita per tentare di andare subito nella massima serie ma fino a questo momento non lo ha dimostrato. Si spera che dalla prossima gara di domenicaprossima a Catania, il Bari possa dimostrare di essere davvero una formazione che possa ambire al massimo risultato.

TOP & FLOP – La squadra. Non ha affatto convinto. Quello che si è notato nella gara contro il Modena è stata la mancanza di idee, lanci lunghi dalla difesa in attacco non passando mai dal centrocampo che si è dimostrato inesistente. Non hanno convinto anche i giocatori che lo scorso anno hanno trascinato la squadra verso i playoff, Sciaudone e Defendi, che erano il perno della squadra di Alberti e Zavettieri. E se vogliamo dirla tutta contro la formazione di Novellino non ha convinto appieno la prestazione di Donnarumma che ha dimostrato qualche crepa. A questo punto sarebbe indispensabile rivedere tra i pali Guarna che nello scorso campionato si è comportato più che bene.

CONSIGLI PER IL MISTER – Dovrebbe quanto prima trovare la quadra giusta per questa squadra.

IL FUTURO – Si chiama Catania, squadra scesa lo scorso anno dalla amssima serie che tenterà di fare bene in casa dopo aver perso per 1 – 0 sabato scorso a Frosinone. Sicuramente al “Massimino” i siciliani tenteranno il tutto per tutto per imporsi.

 

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.