domenica , 25 giugno 2017
Home » Bari Calcio » Il Punto sul Bari del 30 marzo 2015
micol bari calcio

Il Punto sul Bari del 30 marzo 2015

Grinta, carattere e orgoglio. I biancorossi devono continuare così
Orgoglio e carattere. Si può racchiudere così la gara di ieri tra Bari e Pro Vercelli. I ragazzi di Nicola fin dal primo minuto sono entrati in campo determinati con quella “cattiveria” agonistica che mancava da un bel po’. Guarna e compagni hanno voluto e creduto di portare a casa i tre punti necessari per arrivare quanto prima alla matematica salvezza che ora è a soli sei punti. Ora i biancorossi sono attesi giovedì sera dalla Ternana che ieri ha pareggiato per 0 – 0 sul campo del Cittadella e, poi, dovranno vedersela dopo la pausa Pasquale in casa contro il Crotone. Queste due gare saranno davvero importanti per arrivare alla fatidica quota 50 punti.

COSA VA – Finalmente si è visto il Bari di mister Nicola. Grinta, carattere e orgoglio. Quello che il tecnico piemontese aveva chiesto fin da quando si è seduto sulla panchina del Bari. Ieri i suoi ragazzi hanno messo in campo quello che il loro allenatore gli aveva chiesto.

COSA NON VA – Contro la Pro Vercelli e’ mancato un po’ Galano il quale non è riuscito ad essere incisivo tant’è che Nicola poi lo ha sostituito. Altra cosa negativa è stata l’espulsione di Ebagua per doppia ammonizione. La seconda poteva anche risparmiarsela.

TOP & FLOP – Su tutti l’incomiabile Romizi il quale facendo un vero e proprio lavoro “sporco” a centrocampo ha dato la possibilità a Donati di spingersi un po’ di più in avanti. Buona anche la prestazione di Contini il quale ha annullato Marchi, il capocannoniere della serie B. Lo si è detto prima. Chi ha poco convinto e’ stato, come si è detto prima, la prestazione di Galano il quale non è stato incisivo come avrebbe dovuto esserlo.

CONSIGLI PER IL MISTER – Continuare su questo gruppo e, soprattutto, il tecnico biancorosso dovrà non fare più a meno di Romizi a centrocampo, giocatore che ha dato come al solito il suo encomiabile apporto alla squadra. Da non dimenticare poi un certo Defendi che nello scorso campionato era diventato un giocatore insostituibile nello scacchiere del duo Alberti – Zavettieri.

IL FUTURO – Si chiama Ternana e Crotone. In queste due gare i biancorossi dovranno fare almeno sei punti. I ragazzi di Nicola dovranno tentare di imitare nelle ultime nove gare di campionato il Bari dello scorso anno che in tre mesi ha fatto parlare di se in tutta Italia. Questa squadra in queste nove gare alla fine del campionato riuscirà ancora a stupirci?

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.