sabato , 27 maggio 2017
Home » Bari Calcio » Il Punto sul Bari del 23 febbraio

Il Punto sul Bari del 23 febbraio

Segnale importante

 

Contro il Pescara era importante portare a casa i tre punti dopo la sonora sconfitta di sette giorni fa a Modena

 

Segnale importante. E’ quello che è arrivato dalla gara di ieri al “San Nicola” contro il Pescara. I ragazzi di mister Alberti dovevano per forza di cose vincere per allungare in classifica per allontanare le ultime posizioni. Dopo un primo tempo non esaltante tanto che il Bari è arrivato nei primi quarantacinque minuti al tiro solo una volta, nella ripresa i biancorossi hanno giocato un po’ più sulle fasce, sconosciute nel primo tempo, e proprio da un cross di Galano dalla destra al ventinovesimo è arrivata la rete del vantaggio con un bel colpo di testa a giro di Joao Silva, autore fino ad ora di tre reti. Ora il Bari chiuderà il difficile trittico sabato prossimo a Palermo contro la capolista e si spera che i ragazzi di Alberti possano tornare dalla Sicilia con un risultato positivo che possa far muovere ancora di più la classifica.

 

COSA VA – Il secondo tempo del Bari. Finalmente nella ripresa i biancorossi hanno sfruttato le fasce e proprio da un’azione sulla fascia destra è arrivata la rete del vantaggio e della vittoria del Bari. Bisogna continuare dal secondo tempo contro il Pescara.

 

COSA NON VA – Il primo tempo. Nei primi quarantacinque minuti il taccuino è rimasto praticamente vuoto per quanto riguardava le conclusioni del Bari. Molto possesso palla, ma mai pericolosi. Così proprio non va. Sotto questo punto di vista bisogna migliorare.

 

TOP & FLOP – Su tutti Joao Silva che oltre ad aver segnato un bel goal di testa ha dettato i tempi per far salire la squadra. Buona anche la prestazione di Galano che ha pennellato un perfetto cross dalla destra proprio per l’attaccante portoghese che ha ribadito in rete. Sotto tono Sabelli, Ceppitelli ed il portiere Guarna.

 

CONSIGLI PER IL MISTER – Contro il Palermo dovrebbe tornare agli undici scesi in campo contro il Siena. Ieri alcuni giocatori non giocavano proprio nel loro ruolo.

 

IL FUTURO – La permanenza in serie B passa dalle gare di Palermo fuori e, soprattutto dalle due in casa contro Lanciano e Avellino. Solo dopo queste partite si potrà capire meglio qualcosa.

 

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.