lunedì , 26 giugno 2017
Home » Bari Calcio » Il Punto sul Bari del 22 febbraio 2015
micol bari calcio

Il Punto sul Bari del 22 febbraio 2015

Rabbia e orgoglio
Finalmente! Dopo due sconfitte consecutive il Bari è tornato nuovamente alla vittoria ( seconda nel girone di ritorno ). Contro il Lanciano i ragazzi di mister Nicola hanno messo in campo quella rabbia e quel l’orgoglio che non si vedeva dai tempi del Bari dell’anno scorso. Tutti, da Guarna ad Ebagua, non hanno mai tirato indietro la gamba; anzi è piaciuto vedere Ebagua e Bellomo molte volte ad aiutare i loro compagni di difesa. Ora sarà importante dare continuità di risultati, ma soprattutto di gioco, perché ieri i biancorossi sono scesi in campo con il 4 – 3 – 3 modulo adatto a questa squadra.

COSA VA – Ieri e’ piaciuta tutta la squadra. Tutti hanno lottato su ogni pallone raddoppiando l’avversario e non dando la possibilità all’avversario di poter impensierire Guarna. Il Bari di ieri si merita davvero un bel 9 in pagella.

COSA NON VA – Per la prima volta nulla. Tutto ha funzionato bene.

TOP & FLOP – Lo abbiamo detto prima. Dalla difesa all’attacco tutti hanno interpretato quello che il mister gli ha chiesto di fare durante la settimana. La difesa, poi, ha convinto più delle altre volte con Rinaudo e Contini centrali. E non solo. Hanno dato un grande contributo anche Sabelli e Calderoni sulle fasce. Una parola in più va data all’esordio di Boateng dal primo minuto. L’attaccante biancorosso ha davvero stupito tutti con la sua prestazione. . Buona anche a centrocampo la prestazione di Donati che, dopo un inizio di partita in sordina, alla fine ha dettato ordine a centrocampo. Ma è stata tutta la squadra a girare bene contro il Lanciano.

CONSIGLI PER IL MISTER – Deve abbandonare del tutto il 3 – 5 – 2 e deve insistere sul 4 – 3 – 3, modulo che si adatta a questa squadra.

IL FUTURO – Il prossimo futuro si chiama Modena e, poi, Catania. Queste due gare diranno sicuramente se il Bari e’ guarito o meno dalla mini crisi. Se i biancorossi non dovessero vincerle, l’importante sarà non perderle perché anche un punto in classifica fa tanto. Ma in queste due gare sarebbe opportuno conquistare più punti possibili per risalire quanto prima in classifica.
Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.