giovedì , 29 giugno 2017
Home » Bari Calcio » Il Bari saluta matematicamente i playoff

Il Bari saluta matematicamente i playoff

La squadra di mister Nicola esce sconfitta per 2 – 0 dal “Francioni” di Latina
Il Bari perde a Latina l’ultima speranza di raggiungere i playoff. Al “Francioni” i biancorossi escono sconfitti per 2 – 0 con reti realizzate da Brosco nel primo tempo e nella ripresa quasi allo scadere da Oduamadi su perfetto passaggio di Talamo. A questo punto le ultime due gare saranno solo da giocare per portare a termine il campionato visto che proprio a Latina i biancorossi hanno perso quell’uno per cento di possibilità di arrivare ai playoff. Al contrario della squadra biancorossa la formazione allenata da Iuliano con questa vittoria può sperare di poter rimanere anche per il prossimo anno nella serie cadetta.

LE FORMAZIONI:

LATINA ( 4 – 2 – 3 – 1 ): Di Gennaro; Bruscagin; Brosco; Ristovski; Alhassan; Crimi; Nabil; Valiani; Ammari; Bidaoui; Litteri. A disposizione: Farelli; Nelson; Criscuolo; Bouhna; Angelo; Mangni; Talamo; Oduamadi; Figliomeni; Salamon. All: Iuliano.

BARI ( 4 – 3 – 3): Guarna; Sabelli; Benedetti; Contini; Calderoni; Bellomo; Donati; Minala; Defendi; Caputo; Boateng. A disposizione: Donnarumma; Micai; Salviato; Galano; Filippini; Ebagua; Rada; Gomelt; Schiattarella. All: Nicola.

ARBITRO: Di Paolo di Avezzano.

LA CRONACA:

Al 12′ del primo tempo il Latina passa in vantaggio con Brosco su un calcio d’angolo dopo che Guarna aveva respinto un colpo di testa di di Crimi. Al 16′ tiro di Bellomo di destro poco fuori. Al 17′ grande intervento di Guarna su colpo di testa di Litteri che manda la palla in angolo. Al 34′ Bari pericoloso con un tiro di Bellomo su cross di Boateng. Il tiro viene ribattuto da Di Gennaro. Al 45′ il Latina vicinissimo alla rete del 2 – 0 con un tiro di Brosco a volo su calcio d’angolo con palla che va a lato di poco.

Nella ripresa all’8′ mister Nicola manda in campo Ebagua al posto di Donati. Al 9′ l’arbitro ammonisce Minala per fallo su Litteri. Al 12′ biancorossi vicini al pareggio con un colpo di testa di Minala servito da Bellomo, di poco a lato. Al 18′ ancora il Bari vicino al pareggio con un colpo di testa di Caputo su punizione calciata da Bellomo respinto dal portiere di casa. Al 19′ ancora una sostituzione per i biancorossi, dentro Galano al posto di Minala. Al 20′ l’arbitro annota sul suo taccuino il nome di Calderoni ( diffidato ) per fallo di mano. Salterà il prossimo impegno di sabato in casa contro il Brescia. Al 21′ Iuliano manda in campo Figliomeni al posto di Bidaoui. Al 24′ mister Nicola manda in campo Schiattarella al posto di Calderoni. Al 33′ Crimi sbaglia incredibilmente a porta vuota mandando il pallone sul l’esterno della rete dopo un errore di Guarna che ha perso il pallone. Dopo un minuto ci prova Ebagua ma il suo tiro viene parato da Di Gennaro. Al 38′ dentro Salamon fuori Litteri. Al 45′ il Latina raddoppia con una rete di Oduamadi su passaggio di Talamo che tutto solo in area beffa il portiere Guarna.

90′:

Nicola: “Ciò che mi da fastidio è il fatto che oggi abbiamo avuto troppe occasioni e non abbiamo raccolto quello che meritavamo. la partita è stata il “lait motive” del nostro campionato. Nel calcio vince chi segna. Oggi noi abbiamo giocato, loro hanno vinto. questo è successo anche in altre situazioni e in altre circostanze. Non mi va di sentir parlare di avere delle motivazioni da qui fino alla fine perché siamo professionisti e le motivazioni ci sono. Non dobbiamo togliere gli atteggiamenti e le risorse e le attenzioni per le ultime due partite. Si può fare l’uno e l’altro. Credo che si siano deliniati pregi e difetti di questa squadra. Se ne può parlare con il presidente. La differenza la fa sempre la possibilità e gli obiettivi che determinano gli obiettivi e poi la comunicazione con gli altri. Se c’è disrepanza tra queste cose è chiaro che non si va lontano. Credo che da quando sono arrivato, d’accordo con il presidente, che anche oggi è stato molto vicino alla squadra, credo che ci sia sempre stata sintonia tra ciò che abbiamo detto e ciò che poi è stato. Quando ci siamo incontrati per la prima volta io e il presidente ci siamo garantiti entrambi l’entusiasmo e poi la voglia di conoscerci per vedere come poter fare il bene del Bari. Nella conferenza stampa della mia presentazione ci siamo accorti che probabilmente quello che era stato dichiarato prima non era facile da raggiungere. Non ci devono essere discrepanze. Da quando sono arrivato a Bari ho detto sempre le cose come stavano, lo ripeto, continuerò sempre a farlo. Ciò non toglie che continuerò sempre a credere in quello che sto facendo. Io ho frenato per quanto riguardava il fatto di vincere il campionato. Secondo me non c’erano le condizioni per cercare di arrivare nelle prime otto. Secondo me potevano esserci le condizioni ed è quello che abbiamo cercato di fare. Io posso rispondere solo della mia parte per il campionato che ho fatto. Per quello che abbiamo fatto e che abbiamo raccolto non sono soddisfatto”.

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.