martedì , 27 giugno 2017
Home » Bari Calcio » Fedato: “A Bari sto crescendo professionalmente”

Fedato: “A Bari sto crescendo professionalmente”

L’attaccante biancorosso ha ancora voglia di vestire ancora una volta la maglia biancorossa

 

Era in procinto durante il mercato estivo di cambiare maglia. Ad oggi, ancora, Francesco Fedato veste ancora i colori biancorossi. Il giovane attaccante del Bari è un pezzo pregiato dei ragazzi di mister Gautieri. Ecco cosa ha dichiarato l’attaccante sulla condizione atletica sua e dei suoi compagni dopo appena una settimana di lavoro. “Stiamo cercando di trovare la forma migliore attraverso sedute di lavoro intense. Carichi necessari per accumulare benzina”.

 

E sulla prima uscita ufficiale contro il Chievo Verona, Fedato si è espresso così. “Nella prima partita eravamo pesanti sulle gambe, una logica conseguenza della preparazione. Loro avevano venti giorni in più di ritiro e si sono viste le differenze in campo. Sotto il profilo della corsa però abbiamo messo il massimo impegno, ed era poi quello che ci chiedeva il mister”.

 

Il Bari ha dato modo all’attaccante veneziano di mettersi in mostra in un campionato che conta come quello della serie B. E Fedato per questo ringrazia ancora tanto la società di via Torrebella. “Il Bari mi sta dando la possibilità di crescere professionalmente. Qui mi trovo molto bene e spero di poter continuare con questa maglia. Nel mio primo campionato ho fatto sei reti. Come si dice? Bisogna sempre migliorarsi. Allora spero di poter arrivare a dieci.”

 

E sul suo Il futuro il giovane attaccante del Bari ha le idee chiare. “Se dovessero arrivare offerte dalla serie A sarà la stessa società a valutarle. Intanto mi alleno per conquistarmi una maglia da titolare e chissà un posto anche nell’Under 21. La notizia di non far parte dei 26 dell’Europeo non è stato il massimo, ma essendo tra i più piccoli me l’aspettavo”.

 

Francesco Fedato ha avuto anche un pensiero per il suo capitano, Ciccio Caputo, tornato anzitempo a Bari dopo la conferma della squalifica di tre anni e sei mesi. “Tutti noi lo aspettiamo e speriamo che la sua situazione si risolva nel migliore dei modi”.

 

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.