lunedì , 24 aprile 2017
Home » Bari Calcio » “Faremo l’impossibile per festeggiare con i nostri tifosi”
Conferenza stampa Bari

“Faremo l’impossibile per festeggiare con i nostri tifosi”

E’ quanto ha dichiarato quest’oggi in conferenza stampa il tecnico biancorosso Alberti. Inoltre il mister ha dichiarato che “Il Bari giocherà tutte le gare con l’obiettivo di uscire sempre a testa alta”

 

Finalmente si ricomincia. Domani sera il Bari aprirà la nuova stagione del campionato di serie B a Reggio Calabria contro una Reggina che proprio domani festeggerà al “Granillo” i suoi cent’anni. Sicuramente il Bari troverà un ambiente molto carico, ma quest’oggi in conferenza stampa, il tecnico Alberti ha affermato che la squadra è pronta ad affrontare sia la Reggina che i suoi tifosi. “Noi siamo pronti. Dal punto di vista psico – fisico arriviamo al primo appuntamento dell’anno in una buona condizione. C’è grande entusiasmo. Inoltre questa mattina abbiamo avuto una bellissima sorpresa che è stata quella della visita di tutto lo staff dirigenziale, dal presidente, all’Amministratore Vinella, al segretario generale Doronzo, al direttore sportivo Angelozzi. Questo ha fatto enormemente piacere sia a me che a tutti i ragazzi. Noi arriviamo a questo appuntamento bene e vorremmo iniziare nel miglior modo possibile questa annata che dopo le ultime indicazioni della Lega che dovranno essere ancora vagliate dal Consiglio federale, questo sarà un campionato più difficile degli altri perché la zona play – out rimarrà con le stesse regole, mentre per quanto riguarda le promozioni si allargherà a più squadre. Questo vuol dire che fino all’ultima giornata si lotterà o per salire o per entrare in una zona pericolosa. Quindi, per questo, le difficoltà aumenteranno perché sarà un campionato tirato dalla prima fino all’ultima giornata. Un concetto importante, con il quale ho parlato anche con i ragazzi e che i primi tre punti hanno lo stesso peso degli ultimi tre. Quindi domani sera la gara dovremo affrontarla come una finale, perché ci sono tre punti in palio che alla fine contano come gli scontri diretti o come le partite partite decisive. Partiremo con l’handicap dei tre punti di penalizzazione. Questo dovrà essere uno stimolo maggiore per partire non bene, ma benissimo. Domani sera non ci sarà bisogno di preparare i ragazzi dal punto di vista psicologico molto la partita perché è la prima gara di campionato dove sarà presente anche tutto l’entourage della Lega. La Reggina approfitta anche di festeggiare i suoi cento anni. Sicuramente ci sarà una cornice di pubblico numerosa per cui gli stimoli saranno moltissimi. Però, a prescindere da questo, noi vogliamo iniziare bene. In settimana ci siamo preparati molto bene. Arriveremo a questo appuntamento pronti”.

 

Molte squadre in questo campionato lotteranno per i playoff. Per Alberti il Bari giocherà tutte le gare con l’obiettivo di uscire sempre a testa alta. “Il Bari giocherà tutte le gare per uscire sempre a testa alta. Ci siamo ripromessi questo. Giocheremo gara per gara con l’obiettivo di uscire sempre a testa alta sapendo di aver dato tutto. Poi vedremo quale sarà il risultato del campo. Se dovessimo utilizzare questo atteggiamento, per la qualità dei giocatori che abbiamo e per come ci stiamo allenando, sicuramente ci toglieremo delle soddisfazioni. La prima è quella di raggiungere la salvezza, poi strada facendo, vedremo quello di cui saremo capaci di fare. Il fatto che la zona playoff si sia allargata mette tutti nelle condizioni di giocare partita dopo partita al cento per cento perché il rischio è alto da parte di tutti. Sarà un campionato interessante perché la serie B è un campionato interessante e pieno di iniziative a differenza di altri settori del calcio italiano dove c’è una situazione di stallo. La serie B, da questo punto di vista, ogni anno da sempre segnali importanti. Questo, secondo me, è una bellissima cosa. L’ultima novità di ieri è un segnale anche in quella direzione”.

 

Nella “prima” di domani sera il Bari dovrà fare a meno di Fedato e Fossati squalificati. Alberti è stato categorico. “Le due assenze non ci pesano perché già la scorsa volta ho detto che l’atteggiamento della squadra deve essere sempre lo stesso a prescindere dai ragazzi che scenderanno in campo perché poi durante l’anno, lo sapete meglio di me, ci saranno più partite in cui alcuni ragazzi purtroppo non saranno disponibili e non ne potremo fare mai un problema. Abbiamo una rosa sufficientemente ampia per poter sopperire a qualsiasi assenza. La nostra forza deve essere questa. Non deve essere il singolo, ma il gruppo”.

 

Dopo la non proprio eccellente partita di Samnick domenica sera a Bergamo, il tecnico aspetterà un’ora prima della gara per diramare la formazione. “Aspetterò un’ora prima della gara per diramare la formazione. Ad oggi ancora non so come ci disporremo in campo perché dipenderà molto dalla Reggina. Loro hanno iniziato la stagione con un 3 – 5 – 2. L’ultima partita disputata a Crotone sono scesi in campo con un 3 – 4 – 3. Per questo voglio pensarci fino alla fine. Noi potremmo giocare come quasi sempre abbiamo fatto in questo in questo periodo con i quattro difensori. Però con l’arrivo di Chiosa si potrebbe pensare anche di fare una difesa a tre perché è un ragazzo che già in questi giorni ha dimostrato grande personalità e delle buone capacità. Questo, non solo per domani ma anche per il futuro, potrebbe essere una scelta efficace. L’unica certezza, o quasi, domani potremmo fare una difesa a quattro con l’incognita Chiosa perché è un ragazzo che in questi giorni a me è piaciuto molto. Lo conoscevo già, l’ho visto giocare a Nocera. E’ un ragazzo giovane, ma ha grande personalità, grandi conoscenze tattiche. Inoltre ha una buona tecnica, quindi secondo me è un ragazzo che ci tornerà molto, molto utile quest’anno. Il ragazzo è già pronto per giocare perché ha disputato tutta la preparazione con il Torino e ha fatto anche qualche amichevole. Non conosce benissimo i compagni, però, per una evenienza, potrebbe essere un ragazzo utile. Ha dimostrato delle buonissime conoscenze tattiche. Ha una gran facilità a calciare la palla sia col sinistro, che è il suo piede, ma anche con il destro. E’ un ragazzo che a me piace molto. Infatti quando il direttore l’ha portato a Bari sono stato felicissimo perché è un ragazzo giovane sul quale possiamo contarci”.

 

E sulla gara di Bergamo dove ci sono stati dei pre e dei contro, il tecnico biancorosso ha detto. “La gara di Bergamo è stata importante limare alcuni alcuni errori commessi. In settimana abbiamo lavorato proprio su questo”.

 

Domani sera la Reggina festeggerà i suoi primi cent’anni. Ma Alberti non è affatto spaventato. “Faremo l’impossibile per festeggiare con i nostri tifosi”.

 

Contro la formazione calabrese per il tecnico del Bari sarà un vero e proprio esordio in panchina. “Per il mio esordio in panchina sono molto sereno”.

 

Di Micol Tortora

 

 

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.