lunedì , 26 giugno 2017
Home » Bari Calcio » Calcioscommesse, Delli Carri tira dentro il Bari

Calcioscommesse, Delli Carri tira dentro il Bari

Il direttore sportivo del Catania in una intercettazione avrebbe parlato anche del club pugliese
“A Bari hanno fatto la palazzina sapendo che noi facevamo le palazzine diverse dalle loro”. Sono state queste le parole intercettate nel caso Catania che avrebbe dichiarato Daniele delli Carri, direttore sportivo del Catania al suo amico Di Luzio, il quale avrebbe anche chiesto “Chi glielo ha detto, il biondo? L’unico può essere il biondo avendo come risposta “Pure lui dice la stessa cosa. E’ l’unico, può essere il biondo che si vende le informazioni”.

Le quattro gare messe sotto la lente di ingrandimento sarebbero quelle contro Bologna, Trapani, Carpi e Crotone. Dopo questo “gran vociare” sui biancorossi il club di via Torrebbella ha voluto esprimere con un comunicato stampa l’assoluta estraneità a tutto quanto detto. Ecco il comunicato del club arrivato in tarda mattinata.

 

“A tal proposito invita tutti gli organi di informazione impegnati nel meritevole diritto-dovere di informazione, ad operare i necessari distinguo fra i soggetti, le società e le città eventualmente nominate nelle conversazioni intercettate. Trattasi di aspetto a cui la FC Bari 1908 tiene in modo particolare, al punto da aver già da tempo avviato la predisposizione di un rigoroso codice etico ai sensi della l.231 e ad aver realizzato, per prima, fra le società della Lega di Serie B, giornate di studio sulle problematiche ed i rischi connessi alle attività di betting, con la collaborazione della società «Sport Radar», organismo di monitoraggio e prevenzione nel campo delle scommesse, riconosciuto dalla Uefa. Si ribadisce quindi la assoluta trasparenza del progetto di questa nuova società, ancor più sensibile a tali aspetti, anche perché operante in un contesto già gravemente ferito da questo genere di comportamenti che nel passato hanno, oltre misura, tradito ed oltraggiato la genuina passione di una tifoseria meritevole di ben altre iniziative. Non si dimentichi, infatti, che il cuore di questo meraviglioso gioco è rappresentato dalla passione dei tifosi che possono essere solo allontanati da queste tristi e miserevoli vicende. Pertanto si auspica che la giustizia ordinaria e sportiva possa procedere ad una rapida e rigorosa verifica degli accaduti, sanzionando tempestivamente, con le forme più adeguate, qualsiasi ipotesi di frode sportiva, sì da restituire il prima possibile, piena credibilità e trasparenza all’intero sistema calcio”.

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.