venerdì , 26 maggio 2017
Home » Bari Calcio » Bari, quanti sono i “veri” tifosi ad oggi? 1.093

Bari, quanti sono i “veri” tifosi ad oggi? 1.093

Il Punto sul Bari

 

Per la “prima” in casa contro una formazione importante come la compagine lombarda ci si aspettava più partecipazione di pubblico, ed invece…

 

Dopo la buona “prima” fuori casa a Reggio Calabria contro la Reggina, ieri sera al debutto al “San Nicola” del Bari del tecnico Alberti ci si aspettava più gente dei 1.039 “veri” tifosi che hanno voluto dare il loro sostegno ed il loro apporto ad una squadra tutta nuova. Quest’anno la compagine barese è una formazione che ha veramente bisogno del supporto dei suoi tifosi visto che è un gruppo formato da tanti giovani e che ha bisogno del calore dei suoi tifosi. Ma dov’erano gli altri tifosi sabato sera? Lo stadio era quasi vuoto, ma i ragazzi di mister Alberti hanno dato l’anima per portare a casa un risultato positivo ed alla fine, con un po’ di rischi, l’hanno portato a casa. Se la situazione in casa dovesse continuare così, forse è meglio che il club biancorosso decida di andare a giocare ad Andria. Li, sicuramente, avrebbe settemila tifosi ogni sabato che li sosterrebbero.

 

Per quanto riguarda la gara di ieri sera il Bari ha sofferto solo nel primo tempo, quando i bresciani sono andati vicini al vantaggio in quattro occasioni, quando il Brescia ha colpito quattro pali. Dopo l’ingresso del talentuoso attaccante portoghese, Joao Silva, la storia è cambiata. Il Bari è stato molto più propositivo e in due occasioni ha dato problemi al portiere ospite Cragno.

 

COSA VA – E’ piaciuto il secondo tempo del Bari quando i ragazzi di mister Alberti ha dato filo da torcere ad un Brescia che, quest’anno, punta direttamente alla promozione diretta in serie A. In casa biancorossa sono piaciute le prestazioni del portiere Guarna che ha negato all’ “airone” Caracciolo la rete del vantaggio, la prestazione del difensore francese Samnick che, in più di una occasione, è riuscito a non far toccar palla sia a Caracciolo, sia ad un altro giocatore importante come Mitrovic. Da rimarcare la buona prova ancora del giovane Chiosa in difesa, di sciaudone che si è diviso tra centrocampo ed attacco e di Calderoni.

 

COSA NON VA – Non è piaciuto il Bari sceso in campo nel primo tempo. Dopo i primi quindici minuti disputati alla pari contro una “grande” del campionato, i ragazzi di Alberti si sono troppo difesi tanto da dare il via libera a gente esperta come Caracciolo e Mitrovic di impensierire il portiere Guarna. Inoltre non ha molto convinto la prestazione di Fedato che, durante tutto il corso del primo tempo, non ha affatto preoccupato la difesa avversaria. Al contrario, in più di una occasione, è stato forse l’uomo in più per il Brescia visto che ha perso tante palle e che è stato anticipato un po’ di volte.

 

CONSIGLI PER IL MISTER – Il tecnico biancorosso Alberti dovrebbe continuare su questo modulo il 3 – 5 – 2. E se fosse entrato prima il nuovo attaccante Joao Silva cosa sarebbe successo? Speriamo che il tecnico possa schierarlo fin da subito nella prossima gara contro il Siena di sabato prossimo. E se con lui ci fosse anche Lugo Martinez?

 

IL FUTURO – Si chiama, come dicevamo prima, Siena. Il Bari dovrà andare in Toscana con la consapevolezza di giocarsela fino alla fine e, perché no, tentare il colpaccio fuori casa. Questa è una squadra sbarazzina capace di poter stupire chiunque.

 

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

One comment

  1. Auspico lo spostamento delle partite giocate in casa ad Andria. Inoltre spero che i debiti che il Sindaco Emiliano lamenta vengano estinti dalla società!!! 7000 tifosi ogni partita????? Mi viene solo da ridere……. Ultimamente gira roba buona a Bari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.