venerdì , 26 maggio 2017
Home » Bari Calcio » Bari, presentato Gennaro Del Vecchio

Bari, presentato Gennaro Del Vecchio

L’ex centrocampista del Grosseto ha firmato un contratto che lo legherà alla squadra biancorossa fino a giugno

 

Primo acquisto in casa biancorossa. Questa mattina il direttore sportivo del Bari ha presentato in conferenza stampa Gennaro Del Vecchio, classe ’78, ex centrocampista del Lecce nell’anno 2012 ed ex giocatore del Grosseto fino a poco tempo fa. Il giocatore è stato cercato dal ds biancorosso per cercare di dare una mano al Bari. Ecco le prime parole del neo centrocampista biancorosso. “Io ho giocato fino a quindici giorni fa. L’ultima partita l’ho giocata a Lecce con la maglia del Grosseto giocata o l’1 o il 2 dicembre”.

 

A questo punto Del Vecchio ha spiegato il motivo per il quale è andato via da Grosseto. “Non ho avuto nessuna incomprensione con la società. Mi sono lasciato benissimo con il Grosseto calcio. A volte nella vita si fanno delle scelte. In primis quella di Bari è stata una scelta di potermi avvicinare il più possibile a casa visto che io sono di Barletta. Inoltre ribadisco quello che ha già detto il direttore che mi ha cercato con grande interesse. Io mi reputo un pugliese, non faccio mai distinzioni. E’ normale che Bari è stata sempre la squadra che sempre fin da bambino ho seguito in televisione in quanto il Barletta giocava in C, ma ha fatto anche la B. La serie A da vicino la vedevo a Bari. Questa società è rimasta sempre un mio pallino. Prima parlando con qualche ragazzo gli ho detto che era da tanti anni avevo provato ad avere dei contatti con il Bari ma non ce ne mai stata occasione. Non è mai troppo tardi anche se la chiamata è arrivata un po’ in ritardo. Sono orgoglioso di aver fatto questa scelta e per questo sono molto contento”.

 

Il neo centrocampista arriva in una società dove a parte i più giovani conosce tutti. “A parte i più giovanissimi conosco tutti, dal magazziniere al presidente. Ieri ho visto la partita del Bari in televisione in quanto non potevo essere qui per altre situazioni. Quello che è successo ieri fa parte del passato. Questi ragazzi hanno una partita importantissima tra due giorni. Per quanto mi riguarda da calciatore è un discorso archiviato. Il Bari l’ho visto giocare spesso, l’ho seguito quest’anno e devo dire che gioca benissimo ma ha raccolto qualcosina in meno di quello che merita. Conosco bene la squadra, sono soddisfatto e contento di questa scelta e soprattutto contentissimo di far parte di questo gruppo perché sarò il più vecchio. Io mi metto a completa disposizione di questo gruppo, di questa società e di questa città. Gennaro Del Vecchio non è arrivato qui per fare trenta goal ma per dare un grandissimo contributo dal punto di vista calcistico e umano. Poi non vi nego che se avrò anche la possibilità di fare qualche goal che ben venga. Il mio obiettivo è quello di mettere a completa disposizione l’esperienza che ho maturato durante questi anni”.

 

Del Vecchio si guadagnerà il posto come tutti gli altri giocatori del Bari. “La presenza in campo la guadagni quotidianamente dal lunedì fino al sabato. Queste non sono chiacchiere ma è la realtà della vita. Quando uno lavora ottiene dei risultati. Se io sarò bravo e starò bene probabilmente l’allenatore non avrà problemi a farmi giocare. Questo dipenderà solo ed esclusivamente da me. Il lavoro che dovrò fare quotidianamente è quello di mettere a disposizione la mia esperienza, potermi confrontare con i ragazzi e dare tutto quello che ho imparato durante questi anni. Questo è il mio primo obiettivo, essere a disposizione di tutti. E’ normale che non sono venuto qui a farmi una vacanza. Il mio obiettivo è quello di produrre. Spero di produrre tanto. Questo lo dirà solo il tempo”.

 

Il centrocampista barlettano è convinto di poter dare, da “vecchietto”, una mano a questa squadra. “I “vecchietti” servono per dare consigli e quant’altro. Io sono a completa disposizione del Bari calcio”.

 

A questo punto ha spiegato qual è la sua posizione in campo. “Io sono nato centrocampista con il vizio del goal. Su questo ne parlerò con l’allenatore e ci confronteremo, poi in base alle esigenze di questo gruppo io mi adatterò. Mi adatterò non solo in campo ma anche in tutto ciò dove ci sarà da adattarsi perché sono l’ultima ruota del carro. Sono a completa disposizione per tutto e spero di essere importante anche in campo”.

 

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.