lunedì , 24 aprile 2017
Home » Bari Calcio » Bari, out – out a Ghezzal

Bari, out – out a Ghezzal

Il giocatore deve al più presto prendere una decisione. Dalla sua vendita i biancorossi potranno fare mercato in attacco

 

“Per quanto riguarda Ghezzal stiamo lavorando. Abbiamo un discorso aperto con il Parma. Le probabilità che il giocatore possa vestire la maglia dei ducali possono essere tante come possono essere poche. Dipenderà dalla volontà del ragazzo di accettare questo trasferimento”. Sono state queste le prime parole del direttore del Bari, Guido Angelozzi, sulla questione Ghezzal dopo aver presentato il nuovo acquisto, Marco Chiosa.

 

Il Bari calcio non può più sostenere l’ingaggio del giocatore che si aggira sul milione e quattrocentomila euro all’anno. Ecco cosa ha detto a tal proposito il ds biancorosso. “Uno non è che può costringere le persone ad andare via. Ieri a Parma avevano intenzione di darlo in prestito ad altre squadre, due/tre di serie B che lo vogliono oltre che al Latina. In questo momento il giocatore ha in testa di accasarsi in un club della massima serie o anche all’estero perché vorrebbe andare a disputare i Mondiali il prossimo anno. Speriamo che Ghezzal si possa convincere al più presto perché per noi è una operazione vitale”.

 

Con il club parmense Angelozzi non ha parlato solo di Ghezzal. “Al Parma gli piacciono diversi nostri giocatori, non solo Ceppitelli. Vedremo di trovare un compromesso. In questo momento, però, stiamo ragionando a 360° e stiamo cercando di far vestire a Ghezzal la maglia del Parma. Se dovesse andare a buon fine altre cose potrebbero essere fatte in prospettiva, sicuramente non nell’immediato. Stiamo cercando di sistemare un giocatore che ha il contratto più importante che ci è rimasto dal periodo della serie A. Se dovessimo sistemarlo staremmo più tranquilli perché noi ci dobbiamo autofinanziare”.

 

Poi il discorso è caduto sulla punta centrale necessaria come il pane per il Bari. “Se possiamo fare una cosa, la facciamo. Se non la si può fare non la facciamo perché non vogliamo più prendere punti di penalizzazione. Se va via Ghezzal ci darebbe una grossa mano perché abbasseremmo la gestione del monte – ingaggi e cercheremo di trovare una punta che si adegui alle nostre condizioni economiche. In questi giorni al Bari è stato affiancato il nome di Pavoletti, ma il giocatore non potrebbe mai essere preso dal Bari perché guadagna trecento mila euro. Per quanto riguarda Tallo, anche lui guadagna tanto. In questo momento il giocatore spera di andare a giocare in serie A. Quello che possiamo fare come società lo faremo. Non vogliamo prendere in giro nessuno”.

 

Angelozzi si è detto soddisfatto del lavoro svolto fin qui. “Fino ad ora sono soddisfatto del lavoro fatto perché abbiamo preso dei buoni giocatori, giovani, ma buoni in prospettiva. Domenica a Bergamo abbiamo fatto un’ottima partita pur mancando in attacco”.

 

Poi il ds biancorosso ha riaperto nuovamente una finestra sulla questione Ghezzal. “Ieri sono stato tutto un giorno fuori a parlare con il giocatore e con il Parma. Io sono moderatamente ottimista. Se il giocatore non è un incosciente… Il giocatore sarebbe anche disposto ad abbassarsi l’ingaggio. Il problema è che il giocatore si deve convincere di andare a giocare in serie B. In questo momento bisogna farlo riflettere, poi credo che alla fine Ghezzal si convincerà”.

 

Dopo la parentesi Ghezzal, Angelozzi è tornato sul problema della punta centrale. “Il campionato di serie B è lungo. Ad oggi noi abbiamo solo una punta centrale che è Marotta. Domenica il mister ha fatto giocare come prima punta Fedato perché aveva paura che potesse succedere qualcosa a Marotta. Una punta arriverà di sicuro, non so quando arriverà, ma la prenderemo. Ci stiamo lavorando e stiamo valutando quale possa essere la soluzione migliore per noi.

 

Di Micol Tortora

 

Tutto su Micol Tortora

One comment

  1. i contratti vengono firmati da ambo le parti, pagare e sorridere. E pagate anche i debiti dello stadio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.