venerdì , 26 maggio 2017
Home » Bari Calcio » Bari, due punti persi

Bari, due punti persi

Contro il Padova, dopo essere stato in vantaggio di due reti a zero, i biancorossi sono stai capaci di farsi rimontare. La gara è terminata 2 – 2 con goal dell’ex Vantaggiato

 

Sprecone. E’ questo il giusto aggettivo del Bari visto oggi all’opera contro il Padova dell’ex tecnico Mutti. I biancorossi sono piaciuti solo nei primi quaranta minuti quando sono riusciti ad andare subito in vantaggio all’8° con un colpo di testa imperioso di Defendi su cross di Joao Silva e al 32° raddopiare con un passaggio di Sciaudone per il capitano che ha messo dentro la rete del raddoppio. Poi i biancorossi si sono seduti, credendo di aver chiuso la gara, si sono rilassati ed il Padova dell’ex mister Mutti ne ha approfittato prima con il capitano Cuffa e, poi, con un goal dell’ex Vantaggiato.

 

 

LA CRONACA:

 

Al secondo minuto del primo tempo tiro di destro di Beltrame parato dal portiere del Padova, Mazzoni. All’8° i biancorossi si portano in vantaggio. Cross dalla destra di Joao Silva, colpo di testa di Defendi ed il Bari va sull’ 1 – 0. Dopo sei minuti tiro di Beltrame alto di poco sulla traversa. Al 16° l’arbitro Pasqua di Tivoli ammonisce Sabelli per fallo su Pasquato. Al 22° prima vera azione pericolosa degli ospiti. Tiro di Jelenic di destro dentro l’area di rigore biancorossa che va di poco alto sulla destra di Guarna. Dopo sei minuti si vede Sciaudone con un tiro di sinistro deviato in angolo dal portiere. Al 32° i ragazzi di mister Alberti raddoppiano. Passaggio di Sciaudone per Defendi che lasciato solo da Santacroce ha messo dentro. Il difensore veneto pensava che il giocatore biancorosso fosse in fuorigioco. Dopo tre minuti l’arbitro annota sul suo taccuino il nome di Iori per fallo digioco. Al 40°, prima di andare negli spogliatoi, il Padova realizza la rete dell’ 1 – 2 con un colpo di testa del capitano Cuffa su cross dell’ex Vantaggiato.

 

Nella ripresa mister Mutti, altro ex, manda in campo Melchiorri per Ciano. Al 9° il Bari va vicino alla terza rete. Cross basso dalla sinistra di Beltrame, tiro di Sciaudone che manda incredibilmente alto. Goal sbagliato, goal subito. Al 10° il Padova perviene al pareggio. Ripartenza veloce degli ospiti, palla a Vantaggiato ed è pareggio. Al 13° ancora una ammonizione per i veneti. L’arbitro ammonisce Santacroce per fallo su Sciaudone. Dopo cinque minuti tiro di Iori parato da Guarna. Al 20° Alberti manda in campo Romizi per Beltrame. Al 23° Mutti manda in campo Osuji per Jelenic. Come risposta il tecnico biancorosso manda in campo, dopo quattro minuti, Marotta per Fossati. Sempre al 27° l’arbitro Pasqua ammonisce Laczko per fallo su Galano. Al 28° tiro di Romizi dalla distanza parato centralmente da Mazzoni. Al 34° altra sostituzione per il Padova. Dentro Celjak per Pasquato. Dopo quattro minuti è Osuji a beccarsi il giallo per un fallo su Sciaudone. Al 42° Alberti manda in campo Lugo per Sabelli infortunatosi alla spalla sinistra. Per il giocatore solo una forte lussazione.

 

LE FORMAZIONI:

 

BARI ( 4 – 3 – 3 ): Guarna; Sabelli; Ceppitelli; Chiosa; Calderoni; Sciaudone; Fossati; Beltrame; Galano; Joao Silva; Defendi

 

PADOVA ( 4 – 4 – 2 ): Mazzoni; Santacroce; Benedetti; Carini; Laczko; Jelenic; Iori; Cuffa; Ciano; Pasquato; Vantaggiato

 

90°:

 

Alberti: “Il primo pensiero è che abbiamo buttato via due punti. La partita si era messa in un certo modo, in maniera meritata, perché abbiamo fatto i primi quaranta minuti molto bene. Abbiamo avuto la possibilità di chiuderla sul 3 – 0 nel primo tempo e sul 3 – 1 nel secondo tempo. Non ci siamo riusciti e abbiamo rischiato anche di perdere la partita perché sul 2 – 2 il contraccolpo è stato forte per tutti. Non era facile riprendersi subito. Questo lo abbiamo fatto alla fine e a quel punto è stato troppo tardi. Il loro contropiede che ha consentito di pareggiare è arrivato su un quasi goal nostro. Abbiamo pagato il loro contropiede. Il loro 2 – 1 ci sta perché è stato anche un bel goal. Questo fa parte del gioco. Abbiamo avuto la possibilità di chiuderla più di una volta. Dobbiamo essere più cattivi e più cinici perché non possiamo permetterci sempre questo. Dal 2 – 0 che non è arrivato casualmente. Il 2 – 0 stato meritato. Essere andati sul 2 – 2 non è stato facile rimetterci subito a posto anche se avevamo il tempo per farlo”.

 

E su Joao Silva il tecnico biancorosso si è espresso così. “Dobbiamo avere uno spirito di gruppo superiore a quello avuto oggi. Dobbiamo metterci tutti a disposizione per raggiungere un risultato positivo. Non è importante chi fa goal, non è importante chi gioca. Questo spirito di gruppo dobbiamo averlo maggiormente perché, altrimenti, non sarà facile”.

 

Defendi: “Non ho parole. Il pareggio di oggi è come una sconfitta. Non possiamo regalare punti così. Dobbiamo crescere, maturare, migliorare l’aspetto mentale. Ci creiamo problemi da soli. In campo, nel bene e nel male, abbiamo fatto tutto da soli. Svolta negativa? Il 2-1 di Cuffa, che ha siglato una rete eccezionale. Serve più attenzione. Avanti di un goal non puoi prendere il pareggio in casa e in contropiede. Non voglio sentire l’alibi della gioventù. Se un calciatore indossa questa maglia ha tutte le qualità per farlo. Peccato davvero, la felicità per la mia prima doppietta in carriera e per il record stagionale di segnature è a metà. Da lunedì miglioreremo questi aspetti”.

 

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.