domenica , 28 maggio 2017
Home » Bari Calcio » Angelozzi: “Io e Vinella gestori del Bari”

Angelozzi: “Io e Vinella gestori del Bari”

E sul “Club Manager” del Bari, Paparesta che ha dichiarato che questa squadra è da playoff, il ds del Bari ha risposto in modo stizzito

 

Questa mattina il direttore sportivo del Bari, Guido Angelozzi, ha tenuto una conferenza stampa. Si è presentato ai giornalisti dicendo “sono qua a vostra disposizione. Sono qui per voi”. Questa frase ha lasciato per un attimo interdetti i giornalisti accorsi alla conferenza stampa. Su una precisa domanda sul futuro di Sciaudone il ds biancorosso ha risposto così. “Sciaudone si sta allenando all’antistadio. Fino ad ora ho ricevuto solo richieste di dolci e di panettone. Fino ad ora non c’è stato nessun tipo di richiesta per nessun giocatore. Dovete domandare alle altre squadre. Al Bari fa piacere che tutti parlino del Bari anche se qui qualcuno dice che ci sono dei giocatori scarsi”.

 

Angelozzi, a questo punto, ha parlato di mercato. “Il Bari ha qualche giocatore in sovrannumero che ha giocato poco. Qualcuno andrà via per giocare con continuità. Se dovesse arrivare qualche offerta per qualche giocatore importante la valuteremo e decideremo se darlo o meno. Questo sarà il mercato del Bari”.

 

Il ds biancorosso non si è espresso su una eventuale trattativa. “Per quanto riguarda la trattativa la sto leggendo tramite i giornali. Io mi interesso della squadra. L’impegno che ho con la proprietà è quello di cercare di salvare la squadra e di mantenere la categoria, questo fino ad oggi e cercare di fare qualche plusvalenza come è stata fatta ogni anno. Ci scordiamo sempre che negli ultimi tre anni , in estate sempre con le plusvalenze siamo riusciti ad iscriverci al campionato. Per me quello che si fa da tre anni è una cosa normalissima. Ci sono abituato. Il mio obiettivo è andare avanti e cercare di mantenere la categoria. Per quanto riguarda la valutazione tre anni fa abbiamo dato via Donati che guadagnava e a gennaio al suo posto è arrivato un povero disgraziato, Romizi, che poi è diventato l’uomo importante del Bari. Sono operazioni che il Bari deve fare. Ci sono due strade, o prendere sempre punti di penalizzazione o non iscriversi al campionato. Secondo voi quale strada il Bari deve percorrere?

 

Angelozzi, fino ad oggi, non sa se per il prosieguo del campionato il Bari dovrà vendere o meno qualche giocatore importante.

 

“Non lo so. Ad oggi non c’è stata nessun tipo di richiesta. Siamo sempre in difficoltà per cui dobbiamo fare di necessità, virtù. Fino ad oggi non è arrivata nessuna richiesta per nessun giocatore quindi andiamo avanti nel cercare soldi per andare avanti. Questa è la nostra strada. Con l’amministratore facciamo sempre i conti però non buttiamo via i giocatori. Se ci sarà una richiesta la valuteremo e poi decideremo se portarla avanti o meno”.

 

E sul mercato in entrata il ds del Bari si è espresso in questo modo. “Ripeto, abbiamo tanti ragazzi che stanno giocando poco. Abbiamo una rosa di 26 – 27 giocatori con dei giovani. Se andrà via qualcuno tipo Masi, Altobello che hanno giocato poco non andranno ad influire sulla rosa”.

 

E sugli stranieri ha detto. “Siamo contentissimi dei nostri stranieri. Non c’è nessun tipo di problema”.

 

E su una probabile rescissione di contratto di Lugo, Angelozzi ha risposto così. “Chi l’ha detto. Non mi risulta questo. Noi siamo tranquilli, siamo contenti dei nostri stranieri perché non scordiamoci che abbiamo fatto venire questi giocatori scarsi e allenatori scarsi che sulla carta hanno fatto 26 punti”.

 

Angelozzi si è poi lasciato scappare qualcosa sul vice – Sabelli. “In quel ruolo può essere che cerchiamo qualcuno, visto che è il ruolo dove siamo scoperti”.

 

Il ds e Vinella si considerano gestori del Bari. “Io e Vinella siamo i gestori della società ed i gestori, certe volte, mancando liquidi devono cercare di gestire al meglio il tutto. In tre anni abbiamo preso molti punti di penalizzazione. L’anno scorso abbiamo fatto 60 punti partendo con una penalizzazione di sette punti. Chi dice che con una classifica senza punti di penalizzazione la squadra poteva andare in serie a o lottare per i play – off? Chi lo dice? Sempre con dei giocatori scarsi perché a Bari i giocatori sono sempre scarsi. Il primo anno abbiamo avuto sei punti di penalizzazione. Siamo andati a vincere a Pescara e dopo abbiamo avuto i punti di penalizzazione. La squadra ha sempre reagito. Ogni anno abbiamo sempre cercato di fare plusvalenze, di dare via i giocatori e di abbassare il monte stipendi”.

 

E su Paparesta che ha dichiarato pochi giorni fa alla stampa che il Bari è da play – off, Angelozzi risponde così. “E’ un dirigente – tifoso. Ognuno la pensa come vuole”.

 

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.