lunedì , 24 aprile 2017
Home » Bari Calcio » Alberti: “Domani nessun alibi. Dovremo fare bene”

Alberti: “Domani nessun alibi. Dovremo fare bene”

Il tecnico biancorosso vuole dare continuità alla vittoria conseguita sabato scorso in casa contro il Varese

 

L’imperativo in casa Bari è quello di dare continuità alla gara vinta contro il Varese sabato scorso al “San Nicola”. Quella che scenderà in campo al “Francioni” di Latina sarà una squadra rivoluzionata , soprattutto in difesa, dove mancheranno Ceppitelli, squalificato e i nazionali Sabelli, Fedato e Fossati. Tutto questo, però, non preoccupa mister Alberti. “Siamo tutti orgogliosi che cinque nostri ragazzi siano stati convocati nelle varie nazionali. Questo significa che la società sta lavorando molto molto bene. Questo significa che le altre società e parlo di società importanti hanno fiducia nel lavoro del Bari. Questo ci rende orgogliosi perché significa che stiamo lavorando bene e stiamo andando verso giuste direzioni. Domani non avremo nessun alibi perché, pur mancando tre nazionali, Beltrame che è tornato dalla nazionale con qualche piccolo problema, non ci saranno scuse. Domani non ci saranno scuse ne alibi. Domani chi scenderà in campo farà sicuramente una grande partita. Dietro, pur cambiando trequarti della difesa, sono convinto che saremo all’altezza di fare bene. Sono fiducioso al cento per cento che faremo una grande partita come reparto perché sono ragazzi all’altezza. Durante la settimana si sono allenati bene”.

 

A questo punto Alberti ha quasi diramato la formazione che scenderà a Latina. “In difesa giocheranno Altobello, Samnick, Chiosa e Polenta. E’ un reparto di assoluto valore. Sono molto fiduciuoso e tranquillo perché i ragazzi si sono preparati bene. Mi si potrà chiedere perché le altre volte giocavano gli altri? Perché si gioca in undici. Questo significa che il Bari ha una rosa attrezzata. Quando manca qualcuno, gli altri sono sicuramente all’altezza degli assenti. A centrocampo i due centrocampisti centrali saranno De Falco e Romizi; a destra il solito Galano. Sciaudone lavorerà dietro a Joao Silva. A sinistra ci sarà Defendi”.

 

Il tecnico del Bari ha spiegato anche il motivo per il quale ha deciso di mandare in campo una squadra “tosta”. “Metterò in campo una squadra tosta perché incontreremo una squadra che sta facendo molto molto bene, non solo come continuità di risultati, dieci risultati utili consecutivi. Il loro allenatore, Breda, è un ragazzo giovane molto preparato che fino ad ora non ha mai perso. Il Latina è una squadra concreta e molto esperta perché hanno giocatori non più giovanissimi che hanno valori importanti. Domani avremo bisogno di fare una grande partita. Vogliamo cointinuare a dare continuità alle tre gare precedenti, quindi dare continuità. Andiamo a Latina con molta fiducia rispettando sempre gli avversari perché loro sono una squadra che ha trovato la quadratura giusta per questo campionato. Rischiano poco e giocano molto sulle individualità. Dovremo esser bravi ad entrare in campo con il piglio giusto sapendo che sarà una partita difficile ma alla nostra portata. Noi abbiamo assolutamente bisogno di continuare a fare un risultato positivo. Andremo in campo determinati e credo che faremo bebe anche domani”.

 

E sul fatto che a Joao Silva non arrivino ancora cross, Alberti ha detto. “Noi lavoriamo a trecento sessanta gradi. Se lui fa goal o di testa o di piede va bene. Il punto è che il ragazzo sta lavorando molto per la squadra, sta crescendo settimana dopo settimana non solo dal punto di vista della condizione ma anche dal punto di vista tattico. Per questo siamo molto contenti. Se lui continuerà a lavorare così sicuramente i goal arriveranno. Questa settimana abbiamo lavorato meglio in confronto alle altre settimane pur non essendo al completo. Ecco perché per la gara di domani sono molto fiducioso”.

 

Il tecnico del Bari non ha pensato ad una “gabbia” per l’attaccante più pericoloso del Latina, Jonathas. “Jonathas sta facendo bene però loro hanno altri giocatori importanti sia in difesa, sia a centrocampo che in attacco. In avanti hanno Ghezzal che è sempre un giocatore di alto spessore. Il Latina gioca con due punte in attacco che hanno caratteristiche particolari perché sono molto forti fisicamente ed hanno gamba. Su Jonathas non abbiamo fatto nessun accorgimento particolare. Abbiamo lavorato in settimana sul fatto che loro scenderanno in campo con un 5 – 3 – 2 come hanno sempre fatto. Non abbiamo lavorato sui singoli calciatori. Quella di domani sarà una partita che si giocherà sugli episodi perché loro giocano in maniera molto attenta, concedendo pochissimo agli avversari sperando che poi in attacco possano concretizzare qualche occasione. Dovremo essere sempre in partita, concentrati e concedere sempre meno agli avversari come abbiamo fatto nelle ultime gare. Dovremo essere bravi a sfruttare le fasce. Domani dovremo mettere in campo tutto il lavoro fatto in settimana”.

 

Sembrerebbe che il Bari che scenderà in campo domani a Latina sia una formazione più compatta delle altre volte. Alberti ha dichiarato che il Bari di domani sarà una squadra solida. “Il Bari che scenderà domani in campo sarà sicuramente una squadra solida che ha sia corsa che gamba. Inoltre ha anche un po’ più di esperienza rispetto alle altre gare perché, alla fine, ci mancano i nazionali e la squadra è una squadra giovane. Il Bari è una formazione che sta trovando concretezza, più fiducia nei propri mezzi e che sta interpretando al meglio le partite in quanto ultimamente concediamo molto meno campo agli altri. Credo che la squadra stia assumendo la consapevolezza del campionato e della propria forza”.

 

Mister Alberti è riuscito a trovare la quadratura della squadra con il nuovo modulo, il 4 – 2 – 3 – 1. Ma il tecnico non esclude che in futuro ci possano essere delle sorprese. “Di definitivo non c’è mai nulla. Oggi abbiamo trovato questa quadratura che ci sta dando dei buoni riscontri. Non abbiamo assolutamente pensato a sconvolgere niente perché i quattro nostri difensori hanno delle caratteristiche per farlo. Lo scorso anno Polenta ha fatto il quarto a sinistra, Altobello ha giocato spesso a destra. Non stiamo sconvolgendo niente. Vogliamo continuare su quella squadra perché siamo convinti che sia la strada migliore in questo momento. Poi, strada facendo, se ci sarà la possibilità di migliorarci cambieremo qualcosa, altrimenti continueremo in questo modo. Vorrei dire una cosa sull’emergenza. L’emergenza c’è perché numericamente abbiamo a disposizione meno calciatori da poter scegliere. E’ tutta qui l’emergenza. Noi andremo in campo consapevoli di fare risultato a Latina. Chi scenderà in campo sarà sicuramente all’altezza. Di questo sono convintissimo”.

 

Su Joao Silva mister Alberti ha voluto ribadire una cosa. “Joao è un giocatore che ha determinate caratteristiche. Dovremo continuare a lavorare perché si possa innanzitutto calare nella nostra realtà, che possa crescere perché è un giocatore che ha ampi margini di miglioramento. Il problema non è il singolo. La squadra in fase offensiva sta costruendo e sta arrivando a concludere. Joao sta lavorando per la squadra e credo che presto riuscirà a raccogliere questo grande lavoro con i goal. Bisognerà dargli il tempo necessario per farlo. Siamo molto contenti di ciò che sta facendo fino ad oggi”.

 

Alberti ha parlato anche di Statella. “Statella è un giocatore che ha avuto un piccolo problema questa estate ed era un giocatore in netto ritardo dal punto di vista atletico. Ha recuperato un’ottima condizione ed è a disposizione. Se dovesse servire Statella ci darà una mano”.

 

E su Polenta ha detto. “Polenta sta meglio. In queste tre settimane abbiamo fatto un lavoro specifico. E’ cresciuto come condizione. Polenta a Genova ha avuto un piccolo problema. Ha saltato una parte della preparazione. Noi abbiamo avuto subito bisogno di lui ed il ragazzo ci ha dato una grossa mano appena arrivato. Ha pagato quello sforzo. Poi attraverso il lavoro dei nostri preparatori è stato messo a livello degli altri”.

 

Il tecnico biancorosso ha spiegato perché Galano più di crossare dalla destra si accentra. “Galano si accentra perchè, fino ad ora, ha fatto quattro goal. Si accentra perché ha la possibilità di fare male agli avversari. Qualche volta dovrà andare anche sul fondo per crossare al centro sia per Joao o per chi si inserisce. Da questo punto di vista siamo equilibrati, non ci sono grossi problemi. Se Galano avesse giocato a sinistra forse avrebbe fatto un cross in più e forse avrebbe fatto quattro goal in meno. Oggi siamo molto contenti di Galano. Poi se il giocatore dovesse continuare ad arrivare alla conclusione come ha fatto spessissimo quest’anno…”.

 

Mister Alberti si è espresso anche sui nazionali tolti al Bari. “Le cose quando si sanno e si accettano strada facendo non possiamo cambiare parere. Ad inizio d’anno sapevamo degli impegni dei nostri giocatori in nazionale e che lavorando con dei giovani di qualità sapevamo anche che probabilmente sarebbero stati convocati in nazionale. Noi lo sapevamo come la società che avrebbe potuto fare una scelta diversa come hanno fatto altre società cioè quello di puntare su giocatori esperti che non avrebbero avuto questo problema. Se la Lega facesse più attenzione ai calendari sarebbe stato un discorso diverso”.

 

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.