domenica , 25 giugno 2017
Home » Bari Calcio » A TU PER TU CON… DEL 16 MAGGIO

A TU PER TU CON… DEL 16 MAGGIO

Mister Carlo Prayer, ex tecnico delle giovanili del Bari per dodici anni e ora attuale tecnico del Bisceglie calcio

Mister contro il Carpi è arrivato il terzo risultato utile consecutivo dopo le due vittorie esterne rimediate contro Padova e Terni, il Bari è riuscito a vincere anche contro la Juve Stabia in casa per 3 – 0. La gara per i biancorossi non è stata semplice ma che con Sciaudone prima e dopo le doppiette di Galano su punizione hanno cambiato la gara.

“Il Bari si è confermato come una squadra di rispetto che ha tutte le carte in regola per centrare l’obiettivo dei playoff in quanto vanta rispetto ad altre squadre in questo momento una buona condizione psico – fisica che la vede in piena ascesa in quanto non era partito con questo programma e man mano il Bari si è trovato ad essere pienamente coinvolta. Ha dalla sua il fattore campo nel senso che quasi tutte le squadre che giocano in casa non possono vantare un pubblico così appassionato e numeroso come è nutrita la tifoseria barese a seguito della squadra. Ci sono tutte le condizioni, per una squadra tecnicamente ben organizzata, che su campi più leggeri in consolidamento dell’arrivo della primavera, dovrebbe esprimersi ancora meglio. Credo che in queste ultime gare che mancano alla fine del campionato il Bari possa veramente sperare iu qualcosa di più”.

Mister, dopo Carpi – Bari mister Braglia ha dichiarato che Sabelli è un giocatore di serie A. Lei cosa ne pensa?

“Io credo che il fatto che il giocatore sia un nazionale la dica lunga su quanto possa avere ragione Braglia. Credo che nella partito contro il Carpi, Braglia sia rimasto molto impressionato dal fatto che Sabelli, a differenza di tantissime altre volte, si è proposto con una continuità impressionante in fase offensiva e non ha mai disdegnato di essere presente a mantenere la linea difensiva quindi questa capacità che ha il giocatore di assolvere le due fasi con tanta continuità credo che lo faccia assurgere uno dei migliori difensori di fascia dell’intero campionato”.

Secondo lei quale giocatore potrebbe, da qui fino alla fine del campionato, far fare il salto di qualità?

“Io confermo la mia teoria per il quale Galano è l’uomo in più del Bari in questo momento dal punto di vista anche di quello che può essere il badget economico del Bari in caso della malaugurata cessione dello stesso giocatore. E, poi, visto la bravura di come si è presentato alla platea biancorossa Nadarevic nel caso in cui il giocatore dovesse riprendere al più presto la migliore condizione, crede che tutti e due, due mancini di assoluto valore, due ragazzi di una tecnica sopraffina, potrebbero elevare di molto i contenuti offensivi della manovra biancorossa”.

Quale é, secondo lei la differenza tra Nadarevic e Galano?

“Io credo che l’equilibrio che il Bari abbia trovato è anche nel disporre di due giocatori che hanno questa predisposizione a giocare esterni con Galano che tende ad accentrarsi, da buon mancino, riesce giocando da destra ad incrociare la porta con il piede sinistro vedendola pienamente all’intero del campo. Nadarevic probabilmente ha dalla sua la capacità di crossare e di vedere l’uomo sulla lunga distanza che forse Galano non ha nei suoi colpi. Credo che Galano sia un giocatore più per centrare la porta che non Nadarevic. Però credo che entrambi si integrano benissimo. In questo caso il portoghese fa un po’ da specchio per le allodore con la sua ficisità. Riesce a mantenere alta la difesa avversaria nel senso di abbassare il loro baricentro e di permettere al Bari di allungarsi in profondità”.

Secondo lei Joao Silva è migliorato in questo periodo?

“Si. La presenza fisica del portoghese riesce a dare fisicamente già la profondità al Bari, poi la ricerca verticale del gioco del Bari viene facilitata in ampiezza dalle scorribande di Galano oggi e, spero, di Nadarevic in futuro, ma la fisicità di Joao Silva promette già una maggiore profondità in proiezione offensiva da parte del Bari”.

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.