lunedì , 24 aprile 2017
Home » Bari Calcio » A Brescia il Bari perde… di rigore
Sciaudone Bari

A Brescia il Bari perde… di rigore

Dopo essere passati in vantaggio meritatamente con Sciauadone nel primo tempo, nella ripresa ci pensano prima Sodihna e poi Saba a ribaltare il risultato

 

Ancora una sconfitta per il Bari. Dopo il ko interno di sette giorni fa contro la Reggina sul campo del Brescia, senza il bomber Caracciolo, si è dovuto arrendere anche alla squadra lombarda per due calci di rigore concessi dall’arbitro entrami nella ripresa. Il primo realizzato dall’ex Sodihna ed il secondo realizzata da Saba. Nella ripresa miste Alberti ha mandato in campo i nuovi acquisti Nadarevic, Carela e Cani i quali non sono stati molto incisivi. Dopo questa ennesima sconfitta il Bari è relegato al quint’ultimo posto con soli 23 punti. Ed ora la squadra biancorossa è attesa da una difficilissima gara interna contro il Siena che quest’oggi si è imposta in casa per 1 – 0 contro il Novara e che si posiziona al trecicesimo posto con 31 punti in classifica.

 

LA CRONACA:

 

Al 4° minuto Calderoni si inserisce su un angolo e calcia, palla all’esterno della rete. Al 5° Galano cerca un tiro dalla distanza, palla fuori di poco. Al 6° tiro dalla distanza di Grossi deviata dal portiere Guarna in angolo. Al 7° gran tiro di Grossi che si distende e mette in angolo. Al 21° ammonito Kukov per fallo su Sciaudone. Al 29° goal del Bari. Cross dalla destra di Lugo per Galano che tira sul portiere. Incertezza del portiere che respinge, sulla respinta arriva Sciuadone che realizza. Bari 1 , Brescia 0. Al 31° ammoniti Del Vecchio e Sodinha. Al 37° conclusione di Defendi servito in maniera egregia da Joao Silva, che calcia di poco alto. Al 41° angolo di Galano, colpo di testa di Del Vecchio respinto dal portiere ancora in angolo. Al 46° cross dalla sinistra di Sabelli per Joao Silva che di testa anticipa tutti, ma Cragno para.

 

Nella ripresa l’arbitro Di Paolo annota sul suo taccuino la sostituzione di Kukov per Corvia. Al 3° minuto della ripresa tiro di Sciaudone parato dal portiere. Al 5° minuto tiro di Galano respinto dal portiere in angolo sulla sua sinistra. All’11° in campo Valotti per Olivera. Al 13° cross di Sodihna, colpo di testa di Valotti di poco fuori. Al 17° im campo il nuovo arrivato Nadarevic che sostituisce Lugo. Al 21° Sodihna porta in parità il Brescia su calcio di rigore per un fallo di Guarna su Corvia. Ed è 1 – 1. Al 23° calcio di punizione a fare del Bari. Defendi per Sciaudone che tira dal limite dell’area di rigore, parato da Cragno. Al 28° dentro Valera, fuori Galano. Al 29° ammonito Scaglia per fallo di mano su Del Vecchio. Tiro di Joao Silva al 34° respinto in angolo da Cragno. Al 36° entra Saba per Scaglia. Al 38° i Brescia si riporta in vantaggio con un altro rigore calciato da Saba per un fallo del difensore Ceppitelli. Al 39° mister Alberti manda in campo l’attaccante Cani per Sabelli. Al 48° ultima azione del Bari con un cross di Nadarevic, blocca Cragno.

 

LE FORMAZIONI:

 

BRESCIA ( 3 – 5 – 1 – 1 ): Cragno; Paci; Di Cesare; Camigliano; Mandorlini; Benali; Olivera; Scaglia; Kukoc; Sodinha; Grossi. A disposizione: Arcari; Saba; Ntow; Finazzi; Welbeck; Corvia; Valotti. All. Bergodi.

 

BARI ( 4 – 3 – 3 ): Guarna; Sabelli; Ceppitelli; Chiosa; Calderoni; Sciaudone; Delvecchio; Defendi; Galano; Joao Silva, Lugo. A disposizione:Pena, Cani, Samnick, Varela, Zanon, Nadarevic, Leonetti, Chiochia. All. Alberti.

 

90°:

Angelozzi: “Questa partita l’abbiamo dominata però non siamo stati bravi a chiuderla. Ci sono stati due episodi a sfavore che devo capire se fossero due rigori o meno. Dalla tribuna non si sono viste bene le probabili due ingenuità che abbiamo pagato a caro prezzo. Valotti è un giocatore veloce ma non penso che abbia messo in difficoltà la squadra o la difesa. Siamo stati un po’ leggeri, abbiamo fatto degli errori e li abbiamo pagati a caro prezzo. Non ci dobbiamo attaccare all’attaccante. Oggi il loro portiere è stato il migliore in campo, quando la palla non vuole entrare, non entra. Ormai il calciomercato è passato, siamo questi e dobbiamo andare avanti con questi giocatori. Io credo a questa squadra. Pensiamo alla prossima partita cercando di fare meno errori e cercare di fare una buona prestazione per cercarla di vincerla. La nostra prestazione è stata buona. Facciamo certi errori che non devono essere fatti in questa categoria per cui anche quando pensi che stai dominando la partita devi stare sempre attento e concentrato e devi cercare di limitare i rischi. Oggi in due occasioni non siamo stati bravi e non siamo stati bravi a concretizzare delle azioni che abbiamo costruito bene. Non penso che il Bari del secondo tempo sia stata una squadra meno convinta rispetto ai primi quarantacinque minuti. Nel primo tempo prima di andare sotto sul calcio di rigore abbiamo avuto due – tre palle goal dove il loro portiere ha fatto tre miracoli. Nella ripresa la squadra è entrata in campo ancora concentrata solo che siamo andati in agitazione quando Valotti ci ha messo un po’ in difficoltà. Non sono state costruzioni organizzate da loro, ma sono stati soltanto due calci di rigore a ribaltare la situazione, specialmente sul secondo dove noi eravamo in vantaggio sull’avversario. Noi stessi ci siamo complicati la vita”.

 

Alberti: “Io credo che oggi bisogna sottolineare la grande prova dei ragazzi. Per un’ora abbiamo dominato il campo contro una squadra che ha obiettivi diversi, abbiamo creato tantissime occasioni da goal. Poi, alla lunga, la stanchezza ha pesato. Lugo era da tantissimo tempo che non faceva i 90° minuti e ha fatto molto molto bene. Era giusto che al suo posto subentrasse gente fresca. La stessa cosa vale per Galano. Cristian ha fatto una grande partita, poi alla lunga, è pesato il campo pesante e quindi abbiamo deciso per le sostituzioni. Questo non credo che abbia cambiato l’andamento della gara perché Guarna ha fatto una parata dopo cinque minuti, poi il Brescia non ha mai calciato in porta se non le due dal dischetto. L’ingresso di Corvia e Valotti sicuramente ha dato vivacità al Brescia che era in difficoltà ed ha provato a cambiare qualcosa. I due giocatori, lo ripeto, hanno dato vivacità ma seri pericoli non li abbiamo mai corsi. Guarna non ha mai fatto una parata. I due episodi dei calci di rigore è difficile commentarli perché era difficili vederli dalla panchina. Oggi ci hanno condannato solo questi. Se oggi dobbiamo trovare un piccolo neo è quello di non aver chiuso prima la partita. Noi siamo venuti qui a Brescia e abbiamo creato sei, sette, otto occasioni da goal è difficile commentare una partita del genere. Oggi credo che chiunque abbia visto la partita non può uscire dicendo cose diverse da quelle che ho detto io. Quella di oggi è stata una partita dominata per un’ora, controllata negli ultimi trenta minuti dove gli episodi ci hanno condannato. E’ difficile rimproverare oggi qualcosa ai ragazzi. Il loro portiere è stato il migliore in campo, abbiamo creato tantissime opportunità, non siamo riusciti ad andare sul 2 – 0 che avrebbe cambiato la partita però il calcio è anche questo. Bisogna ripartire subito consapevoli da aver fatto una buona gara e dove solo degli episodi ci hanno condannati”.

 

Di Micol Tortora

 

 

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.